domenica 16 giugno 2019

Napoleone (e non solo) tra saccheggi e recuperi del patrimonio artistico. A Palazzo Madama un incontro con Bruno Cilento dell'Accademia Albertina

Lunedì 17 giugno alle ore 17.30, in occasione della mostra "Notre-Dame de Paris. Sculture gotiche dalla grande cattedrale", Palazzo Madama propone la conferenza di Bruno CilientoAbbiamo raccolto interessanti oggetti”: Napoleone (e non solo) tra saccheggi e recuperi del patrimonio artistico.

Il titolo ripropone come il 6 Messidoro dell'Anno 4 della Repubblica Francese Gaspard Monge, uno dei più insigni matematici del tempo, incaricato con altri di portare a termine la più grandiosa operazione di confisca di quelli che oggi chiamiamo beni culturali, scriveva a proposito delle avviate operazioni di saccheggio di opere d'arte e oggetti di cultura italiani destinati ad arricchire i musei di Parigi. L'Italia, e con essa il Piemonte, fu insieme vittima e protagonista di quella storia: il tentativo di distruzione ideologica di quanto testimoniava una società e una religione e nel contempo il desiderio di realizzare nella "nuova Firenze sulla Senna" il museo universale.

Ingresso libero fino a esaurimento posti disponibili.

Bruno Ciliento, già Soprintendente storico dell’arte del Ministero per i Beni Culturali in Liguria e in Piemonte, ora docente di Beni culturali all’Accademia Albertina di Belle Arti di Torino. È autore di varie pubblicazioni soprattutto intorno a figure meno note della storia dell’arte ligure, legate al mondo inglese e francese, e ha curato restauri e mostre, tra cui quella della Fondazione Ferrero di Alba "Napoleone e il Piemonte. Capolavori ritrovati".