giovedì 8 dicembre 2016

Ilaria Bonacossa sarà la nuova Direttrice di Artissima per i prossimi tre anni


Ieri è stata scelta dal Consiglio Direttivo della Fondazione Torino Musei il nuovo Direttore di Artissima, scelto fra i nomi in short-list nominati dalla commissione esterna composta composta da Andrea Bellini, Michela Bondardo, Silvia Evangelisti, Guido Guerzoni e Francesco Manacorda. A guidare l’importante fiera torinese di arte contemporanea per le prossime tre edizioni sarà la quarantenne Ilaria Bonacossa, scelte in base al suo profilo professionale ed al progetto presentato, perfettamente allineato con gli obiettivi di una kermesse importante e complessa come Artissima.


Ilaria Bonacossa. Curatrice e critica d’arte, dopo un master in studi curatoriali al Bard College, negli Stati Uniti, collabora a New York con il Whitney Museum per la Biennale curata da Larry Rinder. Curatrice per sette anni alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo di Torino, dove cura mostre internazionali come Subcontingent, arte contemporanea dal Sub Continente Indiano, dal 2012 è Direttore artistico del Museo Villa Croce, Genova: istituzione municipale per l’arte contemporanea gestita con un innovativo modello di collaborazione pubblico-privato in collaborazione con Fondazione Palazzo Ducale per la Cultura e il Comune di Genova. A Villa Croce ha curato numerose mostre internazionali tra cui Andy Warhol sul Comò. Opere dalla Collezione Barabino e Cosmic Jive. Tomás Saraceno The Spider Sessions. È stata membro del Comitato Tecnico per le acquisizioni del museo FRAC Provence-Alpes-Côte d’Azur di Marsiglia (2007-2013), membro del Comitato scientifico del PAC di Milano dal (2013-2016) e direttrice per l’Italia del programma internazionale Artist Pension Trust. Nel 2007 è stata membro della Giuria per il Leone d’Oro della 52° Biennale d’Arte di Venezia e nel 2013 membro della Giuria per l’Inamori Foundation Prize di Kyoto. Parallelamente, con Art@Work, il collettivo che ha contribuito a fondare, sviluppa progetti in contesti non-profit e del collezionismo privato. In particolare, curando le installazioni site-specific per Antinori Art Project e Fondazione La Raia. Ha curato, tra le altre, mostre personali di Tòmas Saraceno, Thomas Grunfelde, Zhang Enli, Tony Conrad, Julieta Aranda, Massimo Grimaldi, Alberto Tadiello e Katrin Sigurdardottir, e scritto del lavoro di Cristof Yvoré, Kees Goudzwaard e Marlene Dumas. Laureata in Storia dell'Arte all’Università Statale di Milano, ha ottenuto un Master in Curatorial Studies dal Bard College di New York.


Il progetto di Bonacossa intende rafforzare ulteriormente l’identità culturale della fiera, sviluppando in particolare le strategie artistiche, con particolare sensibilità alle necessità di mercato e commerciali della stessa.


"Sono felice di tornare a Torino, città che amo e in cui ho vissuto quasi dieci anni – ha dichiarato la neo Direttrice Ilaria Bonacossa - Dal 2002 non ho mai perso un’edizione di ARTISSIMA e credo che la qualità delle proposte culturali della fiera sia indiscutibile. Raccolgo questa importante eredità con responsabilità ed entusiasmo e credo che la forza e l’eccellenza internazionale delle istituzioni culturali torinesi renda ARTISSIMA un’eccezionale occasione per l’arte contemporanea italiana. Sarà una sfida appassionante, giocata insieme alle gallerie e ai collezionisti che da sempre sono stati centrali alla storia dell’arte contemporanea. Ringrazio la Fondazione Torino Musei per la fiducia accordatami.”

Nessun commento:

Posta un commento