mercoledì 18 gennaio 2017

Ancora tre conferenze in programma a gennaio presso l'Orto Botanico di Torino, a partire da giovedì 19

Un mese di gennaio davvero ricco di appuntamenti quello dell'Orto botanico di Torino (Viale Mattioli 25), malgrado la consueta chiusura del periodo invernale. Annotatevi i prossimi tre incontri, che come sempre si svolgono presso l'Aula Magna e sono ad ingresso libero. 

Giovedì 19 gennaio, ore 17.30
Conferenza di Rosanna Castrini, architetto paesaggista e fotografa, vincitrice del premio Photographer of the Year sul tema dei "Giardini francesi moderni degli ultimi 30 anni".
L'incontro è organizzato da Floritalia, Garden Club di Torino.

Venerdì 20 Gennaio 2017, ore 17.30
Conferenza “30 anni di ricerche sui rettili del Medio Oriente: risultati e prospettive“, a cura di Roberto Sindaco.

ROBERTO SINDACO – Erpetologo, attualmente è presidente della Societas Herpetologica Italica. È
La relazione presenta la diversificata erpetofauna del Medio Oriente e mostra gli sviluppi della ricerca erpetologica nel corso degli ultimi decenni, ponendo particolare risalto ai risultati delle ricerche personali compiute in collaborazione con numerosi erpetologi europei e mediorientali.
esperto di rettili del Paleartico dove, nel corso di quasi 30 anni, ha compiuto ricerche in oltre 20 paesi. Ha collaborato con l’IUCN per la redazione delle liste rosse dell’erpetofauna italiana, europea, dell’Anatolia e della Penisola Arabica. 
Giovedì 26 gennaio, ore 16.30
Conferenza "Quell'estate che il Po era verde..."
a cura di Matteo Massara (Direzione Ambiente, Governo e Tutela del Territorio della Regione Piemonte - Settore Biodiversità e Aree Naturali e Gruppo Regionale specie esotiche vegetali) e Alberto Selvaggi (botanico, Istituto per le Piante da Legno e l'Ambiente (IPLA) di Torino)
I relatori effettueranno un'interessante esplorazione naturalistica degli ambienti fluviali urbani, portando a riflettere sulla percezione della naturalità dell'ambiente acquatico del principale fiume di Torino. L’eccezionale proliferazione di piante acquatiche verificatasi nel Po nell'estate scorsa ci parla dell’importanza dello studio delle specie invasive come conoscenza prioritaria alla gestione e alla divulgazione.
L'incontro è organizzato dalla Società Botanica Italiana, sezione Piemonte e Valle d'Aosta, dal Museo Regionale di Scienze Naturali di Torino, da IPLA e dal Dipartimento di Scienze della Vita e Biologia dei Sistemi dell'Università di Torino.
Tenetevi aggiornati sul sito:
http://www.ortobotanico.unito.it/

Nessun commento:

Posta un commento