mercoledì 25 gennaio 2017

La Vercelli di Guala Bicchieri raccontata da Alessandro Barbero. Giovedì 26 ore 17,30 a Palazzo Madama

Una mostra interessante come "Lo scrigno del Cardinale", visibile fino al 6 febbraio nella Sala Atelier di Palazzo Madama, dedicata alla figura del vercellese Cardinale Guala Bicchieri, non poteva che avviarsi a conclusione con un ospite d'eccezione: Alessandro Barbero, professore ordinario di Storia medievale all'Università del Piemonte Orientale e autore di opere specialistiche e di romanzi di successo, che incontrerà il pubblico giovedì 26 gennaio alle 17.30 per raccontare della Vercelli medievale, città già popolosa e in ascesa tra il XII e il XIII secolo, il cui destino è legato agli imperatori che vi facevano tappa nei loro frequenti viaggi tra Germania e Italia, oltre ai marchesi di Monferrato che aderirono alle Crociate viaggiando in Oriente con un seguito di cavalieri vercellesi. Vercelli all'inizio del Duecento aveva già oltre 20 mila abitanti ed era già considerata una grande città, soggetta ad un forte boom edilizio per accontentare la classe dirigente composta essenzialmente da mercanti, notai ed avvocati. In parallelo la necessità di fondare nuovi luoghi di culto per accogliere la crescente popolazione. Proprio in questo periodo prendono potere alcune nuove famiglie come gli Avogadro e i Bicchieri, che acquisendo crescenti incarichi politici ed ecclesiastici riescono a scalzare la piccola nobiltà rurale diventando esponenti di riferimento per la gestione del potere.

Alessandro Barbero insegna Storia medievale presso l’Università del Piemonte Orientale, sede di Vercelli. Studioso di prestigio, autore di opere specialistiche e manualistiche, coltiva una predilezione per la storia militare. Ha pubblicato il volume Storia del Piemonte. Dalla preistoria alla globalizzazione (Einaudi 2008); con Laterza, tra gli altri, Medioevo. Storia di voci, racconto di immagini (con Chiara Frugoni, 1999); Carlo Magno. Un padre dell’Europa (2011), Terre d'acqua. I vercellesi all’epoca delle crociate (2014), Le parole del papa (2016). Bella vita e guerre altrui di Mr. Pyle, gentiluomo è il primo dei suoi romanzi di successo (Premio Strega 1996), a cui è seguito Le Ateniesi (Mondadori 2015). 

L'incontro con Alessandro Barbero è ad ingresso libero fino ad esaurimento posti.

Per approfondire sulla mostra "Lo scrigno del Cardinale" leggete il mio articolo al seguente link:

Nessun commento:

Posta un commento