lunedì 23 gennaio 2017

Martedi 24 alle 18 Martina Bagnoli si interroga al Museo Egizio sul futuro dei musei d'arte nel XXI secolo. Ingresso libero

Martedì 24 gennaio alle ore 18 la direttrice della Galleria Estense di Modena (uno dei 20 musei autonomi designati dall’ultima riforma del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo) incontrerà il pubblico nella Sala conferenze del Museo Egizio di Torino per riflettere su di un argomento spesso trascurato: "Il futuro del passato. Il museo d'arte antica nel XXI secolo". 
La conferenza ad ingresso gratuito, introdotta dal direttore Christian Greco, punta il dito su quella che effettivamente è ancora una concezione di museo molto diffusa nel nostro paese, troppo legata all'idea del luogo di studio per esperti e quindi fossilizzato sulla pura ricerca. E questa idea di "luogo sacro" è ancora più radicata verso i musei di arte antica. Per fortuna le cose stanno lentamente cambiando, anche perchè i musei stessi stanno compiendo notevoli sforzi per aprire le porte ad un pubblico più diversificato. Il museo del XXI secolo può certamente essere una meta privilegiata del tempo libero, capace di soddisfare la sete di cultura dei visitatori, ma anche di appassionarli e coinvolgerli attraverso una moltitudine di proposte, adatte tra l'altro atutte le età. Martina Bagnoli si interrogherà proprio su questa peculiarità del panorama culturale Italiano, offrendo spunti e riflessioni sul delicato rapporto tra ricerca, cultura, turismo, valorizzazione e tutela.


Martina Bagnoli è una storica dell’arte con oltre venti anni di esperienza in campo internazionale. Nata e cresciuta in Italia, ha studiato all’estero, prima all’università di Cambridge dove ha conseguito un BA/MA e in seguito alla Johns Hopkins University di Baltimora dove ha ottenuto il dottorato. Da anni impegnata nello studio dell’arte medioevale, ha al suo attivo un’ importante bibliografia. Attualmente dirige le Gallerie Estensi, uno dei venti musei autonomi designati dalla recente riforma di interesse nazionale. Precedentemente è stata direttore delle collezioni di arte medievale del Walters Art Museum di Baltimora, dove ha curato diverse esposizioni tra cui anche Treasures of Heaven. Relics, Saints and Devotion in Medieval Europe, e A Feast for the Senses: Art and Experience in Medieval Europe .

Altre info:   www.museoegizio.it

Nessun commento:

Posta un commento