venerdì 20 gennaio 2017

Sabato 21 alle 17,30 concerto inaugurale della Cappella dei Mercanti

Grazie al contributo della Compagnia di San Paolo è tornata al massimo del suo splendore la bellissima Cappella dei Mercanti di via Garibaldi 25 a Torino, un piccolo gioiello barocco costruito alla fine del ‘600 per la Pia Congregazione dei Banchieri Negozianti e Mercanti. Il restauro era iniziato nel 2015 e si è concluso lo scorso settembre ed ha riguardato i 250 mq di volta, le pareti, la cantoria e le statue lignee. La splendida volta è ornata dai bellissimi affreschi di Stefano Maria Legnani, pittore milanese incaricato da padre Agostino Provana. Le quadrature furono eseguite dai fratelli Grandi. Alle pareti si possono ammirare dodici quadri di grandi dimensioni ispirati al tela dell'Epifania, opera di artisti come Guglielmo Caccia dtto il Moncalvo, Andrea Pozzo, Sebastiano Taricco, Luigi Vannier, Stefano Maria Legnani e Niccolò Carlone.

L'intervento della Compagnia di San Paolo fa parte di un più ampio progetto di valorizzazione del patrimonio religioso del centro storico, con la finalità di realizzare un percorso che permetta ai visitatori di assaporare il clima in cui l’arte torinese è stata vissuta, nei secoli, da committenti, artisti e pubblico.
Il primo percorso proposto è Artisti di corte e devozioni laicali nella città capitale collegato alla mostra Le Meraviglie del mondo Le collezioni di Carlo Emanuele I di Savoia presso i  Musei Reali di Torino, che coinvolge anche il Museo Diocesano, la Chiesa della SS. Trinità, la Chiesa dei S. Martiri, la Chiesa della Misericordia, e la Cappella dei Mercanti.
Domani sabato 21 gennaio la Cappella verrà inaugurata alle ore 17,30 con un concerto dell'Orchestra Pequenas Huellas, in collaborazione con l'Orchestra Fiorina di Falchera e dell'Orchestra giovanile José Antonio Abreu. In seguito l'apertura gratuita al pubblico sarà il martedì, il giovedì e il sabato dalle 15 alle 18 e la domenica dalle 10 alle 12.

Altre informazioni sul sito:   www.compagniadisanpaolo.it


Nessun commento:

Posta un commento