giovedì 9 febbraio 2017

A Palazzo Madama 500 immagini storiche documentano i 150 anni del quotidiano La Stampa

Proprio oggi 9 febbraio 2017 il quotidiano torinese La Stampa ha raggiunto l'importante traguardo dei 150 anni. Nell'ambito dei vari festeggiamenti, con tanto di presenza in città del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, mi piace citare la mostra "La Stampa Fotografa un'epoca", che aprirà i battenti proprio oggi alle 15 nella Corte Medievale di Palazzo Madama e resterà visibile fino al 22 maggio 2017. L'esposizione permette di rivivere temi, società, costumi e personaggi che hanno caratterizzato un secolo e mezzo di storia, attraverso una selezione di circa 500 fotografie che documentano la nascita e l’evoluzione del quotidiano nazionale nato a Torino nel 1867.
Le tante testimonianze in mostra - attentamente selezionate dall’Art Director de La Stampa e curatrice dell’esposizione Cynthia Sgarallino - comprendono fotografie originali e documenti dell’archivio storico: alcune con annotazioni storiche, altre ritoccate a tempera e matita, come si faceva prima di Photoshop, altre ancora sgualcite o incurvate. Tutte sono state selezionate perché “hanno addosso” il lavoro di questi 150 anni in cui sono passate di mano tra fotografi, archivisti e giornalisti.
La mostra si articola in 13 sezioni, seguendo un ordine tematico che prende le mosse dalla Redazione, a testimonianza dei veri protagonisti che hanno fatto la storia del quotidiano. Da questo punto di partenza si snodano tutti gli altri dodici temi, Lavoro, Svago, Terza Pagina, Torino, Terrorismo, Moda, Diritti, Solidarietà, Migrazioni, Conflitti, Mondo, Sport.
Ad accompagnare le immagini in mostra, un’ampia selezione di prime pagine del giornale, ben 47 per ricordare gli avvenimenti più importanti accaduti in Italia e nel mondo nel corso degli ultimi 150 anni.
Al centro della mostra Il mondo della Stampa, opera d’arte contemporanea in carta di giornale pressata di
Michelangelo Pistoletto (Biella, 1933), realizzata appositamente per l’occasione. Il celebre artista ne ha sintetizzato il significato con questa frase: “Quanti frammenti di memorie compongono la sfera di giornali che celebra La Stampa nel mondo!”.
Il percorso di visita prevede anche numerosi apparati multimediali. Innanzitutto gli audio di alcuni eventi chiave della storia italiana: dalla canzone del Piave, all’ultimo discorso di Matteotti alla Camera o a quello pronunciato da Togliatti dopo l’attentato. Ma anche il popolare “Lascia o raddoppia?!” di Mike Bongiorno, fino alla proclamazione di Papa Francesco.
Un touch screen consente di selezionare e ascoltare le interviste a otto direttori de La Stampa, da Arrigo Levi a Maurizio Molinari. Infine, su due schermi scorreranno alcune tra le numerose fotografie dei lettori a testimonianza del loro lungo e affettuoso rapporto con il quotidiano, pervenute alla redazione grazie al contest “Alla storia de La Stampa manca solo una foto. La tua”.
Supportano la realizzazione della mostra Reale Mutua, che ha anche contribuito con alcune foto dal Museo Storico Reale Mutua e Eni.

ORARI
Aperto tutti i giorni dalle 10.00 alle 18.00
CHIUSO IL MARTEDI'
La biglietteria chiude alle 17.00
Tel. +39.011.4433501

BIGLIETTI
Ingresso alla mostra La Stampa fotografa un'epoca: 5 euro (3 euro saranno devoluti in beneficienza alla Fondazione Specchio dei Tempi Onlus per il progetto “Un tetto a chi soffre”). Gratuito con Abbonamento Musei.

Altre informazioni:   www.palazzomadamatorino.it

Nessun commento:

Posta un commento