venerdì 10 febbraio 2017

Due conferenze all'Orto Botanico sul ruolo del verde urbano nel mitigare l'inquinamento e su come distinguere il vero olio extravergine d'oliva

Vi propongo due interessanti incontri che si terranno nel mese di febbraio presso l'Orto Botanico di Torino (viale Mattioli 25) presso l'Aula Magna dell'istituto e ad ingresso libero.

Venerdì 10 febbraio 2017 - ore 16,00

Conferenza "Il verde urbano per la mitigazione dell’inquinamento atmosferico. Arredo o filtro intelligente?" a cura di Enrica Raccottiello

L’impiego di specie vegetali in ambiente urbano ha un alto valore estetico e paesaggistico ed esercita una benefica influenza psicofisica sulla popolazione. Tuttavia il verde urbano svolge anche un’importante azione di sbarramento nei confronti degli inquinanti atmosferici. Ma le piante rappresentano ben più di una semplice barriera verde. Andremo alla scoperta delle interazioni di alcune specie vegetali con gli inquinanti aerodispersi per ragionare su quali nuovi approcci siano necessari per l’uso di un verde funzionale in città.

Enrica Raccottiello lavora presso il Laboratorio di Biologia Vegetale, Dipartimento di Scienze della Terra, dell’Ambiente e della Vita (DISTAV), Università degli Studi di Genova, Dottore di ricerca in Scienze Ambientali (Acque Interne e Agroecosistemi) e in Botanica Applicata all’Agricoltura e all’Ambiente.
Studia le interazioni tra le piante ed i contaminanti nei diversi comparti ambientali a livello ecofisiologico ed ecotossicologico. I suoi ambiti di ricerca includono lo studio di metodologie per il fito- e biorisanamento di suolo, acqua e aria, mediante organismi vegetali.


La conferenza è organizzata dalla Sezione Piemonte-Valle d'Aosta della Società Botanica Italiana, con il Museo Regionale di Scienze naturali di Torino e il Dipartimento di Scienze della Vita e Biologia dei sistemi dell'Università di Torino.

Giovedì 23 Febbraio 2017 - ore 17.30
Lezione aperta "Questione di.....polifenoli e non solo. Capire la qualità dell'olio. Come distinguere il vero "extra vergine d'oliva" a cura di Mauro Mongiovì, olivicoltore e campione regionale delle Marche di potatura.

L'azienda di Mongiovì produce nelle Marche differenti tipologie di olio extravergine di oliva biologico
certificato. Le olive sono raccolte da inizio ottobre a metà novembre ponendo particolare attenzione al giusto momento di maturazione raggiunto dalle diverse cultivar. La raccolta viene fatta a mano e con agevolatori elettromeccanici e la molitura, presso frantoio certificato biologico della zona, avviene tra le 8 e le 12 ore dalla raccolta. Gli oli extravergine di oliva biologici prodotti, possono essere di tipo monovarietale, cioè a partire da olive biologiche (100%) di una sola varietà, per apprezzare nell'olio specifiche caratteristiche di amaro e piccante, oppure in miscele, ovvero in ‘blend’ o "blended"per un gusto più armonico e complesso.

L'evento è organizzato da Garden Club Floritalia, Associazione di Giardinaggio Torino ed è aperto anche agli iscritti alla nostra newsletter.

Altre informazioni:   www.ortobotanico.unito.it

Nessun commento:

Posta un commento