martedì 21 febbraio 2017

Eccovi le mostre che vedrete alla Reggia di Venaria, nel decennale dell'apertura al pubblico

Come già ben sapete la Reggia di Venaria è attualmente chiusa per la pausa annuale e riaprirà dal 18 marzo 2017. Nel frattempo si è tenuta una conferenza stampa per presentare gli eventi futuri, considerando il fatto che quest'anno ricorrono i festeggiamenti per il decennale dell'apertura al pubblico, per il quale è stato creato pure un nuovo logo commemorativo. Il programma è davvero imponente ed in parte ancora in fase di completamento, ma di certo ci sono le grandi mostre che allieteranno tutto il 2017, a cominciare già dalla riapertura. Dal 18 marzo all'1 ottobre, dopo il successo romano, approderà nella Citroniera la grande installazione multimediale "Caravaggio Experience", che attraverso l'uso di un sofisticato sistema di multi-proiezione a grandi dimensioni proporrà le opere di Michelangelo Merisi come non le avete mai viste prima, con tanto di musiche suggestive e fragranze olfattive. Un grande spettacolo della durata complessiva di 50 minuti, fruibile lungo tutto il percorso, che evocherà 57 opere del famoso pittore. 
Pochi giorni dopo, dal 25 marzo al 2 luglio, sotto l'Alto Patronato della Presidenza della Repubblica inaugurerà "Dalle Regge d'Italia. Tesori e simboli della regalità sabauda", una sorta di continuazione della mostra inaugurale del 2007, che si concludeva con le prime vicende dei Savoia-Carignano durante la Restaurazione. Con la presenza di 130 opere provenienti da Quirinale, Palazzo Pitti, Palazzo Reale di Napoli, Musei Reali di Torino e Reggia di Caserta, verrà trattato il periodo compreso fra il 1860 e il 1920. Oggetti d'eccezione sarannno il trono dei re d'Italia dal Quirinale, lo stipo per la corona d'Italia da Palazzo Pitti, la culla per il principe di Napoli da Caserta e il Genio della Monarchia dipinto nel 1880 dal brasiliano Pedro Amerigo in omaggio ad Umberto I, conservato al Palazzo Reale di Torino. L'esposizione è curata da Silvia Ghisotti e Andrea Merlotti. 
Dal 12 aprile al 3 settembre alla Reggia tornerà il fashion, con "Jungle. L'immaginario animale nella moda". Ispirandosi all'abito "Jungle" ideato da Christian Dior nel 1947, questa mostra racconterà, attraverso un centinaio di abiti, l'evoluzione dell'animalier, cioè dei differenti modi in cui manto e forme animali sono stati rielaborati dalla moda. E non mancheranno le sorprese, soprattutto con quegli abiti che creano una sorta di connubio tra umanità ed animalità fondendone insieme le caratteristiche. Molti ovviamente i grandi stilisti coinvolti, fra cui Valentino, Roberto Cavalli, Jean Paul Gaultier, Fausto Puglisi, Givenchy, Stella McCartney e Krizia.
Passato il periodo estivo, dal 23 settembre al 7 gennaio 2018, la sala delle Arti al secondo piano ospiterà "Ercole e il suo mito", incentrata sulla figura del semidio greco che, oltre ad essere un simbolo rappresentativo della Venaria Reale, era particolarmente caro al Duca Carlo Emanuele II. Ercole ebbe in passato un'enorme successo a livello iconografico e narrativo, certamente per il fascino delle sue mitologiche "fatiche", e nella mostra osserverete degli straordinari dipinti e opere d'arte realizzati sia nell'antichità classica che tra Cinquecento e Settecento, provenienti da collezioni italiane ed estere.
Infine dal 7 ottobre al 4 febbraio si tornerà a parlare di fotografia con "Peter Lindbergh. A different vision on fashion photography". Nelle sale delle arti al primo piano saranno esposti 220 scatti del celebre fotografo di moda, che ha saputo abbandonare le pose algide delle modelle ispirandosi al linguaggio cinematografico. E che ha lavorato con le più iconiche top-model del XX secolo, come Cindy Crawford, Linda Evangelista e Naomi Campbell. 

Nessun commento:

Posta un commento