mercoledì 15 marzo 2017

Alcuni marchi sono "Immortali". Ce lo spiega Luca Pollini al Circolo dei Lettori

Provate un attimo a pensare a prodotti commerciali come l'Amarena Fabbri, il Bacio Perugina, la penna e l'accendino Bic, il Cicciobello, il Cremino Fiat, la Coccoina, il Martini Rosso, il Fernet Branca, il Monopoli, le Timberland e la Pasta d'acciughe Balena. Ma anche la Cedrata Tassoni, la Crema Nivea, l'Ovomaltina, la Moka Bialetti, la polo Lacoste, gli occhiali Ray-Ban. Sono tutti molto diversi tra loro, ma hanno in comune il fatto di essere intramontabilmente più forti delle mode e del tempo, capaci di sopravvivere a mutamenti sociali e concorrenze a volte spietate. Grazie all'idea di Luca Pollini ne è nato un volume, dal titolo "Immortali" (Morellini), che verrà presentato mercoledì 15 marzo alle ore 18 presso il Circolo dei Lettori (via Bogino 9), con la partecipazione del giornalista Gigi Padovani.
Gli anni passano, le mode si cambiano, ma nulla e niente sembra mettere in pericolo il loro fascino: sono gli Immortali, prodotti di uso quotidiano che non sono mai cambiati nel tempo, che hanno cambiato il modo di vivere e che, appena li vedi, ti rituffano nel passato. Oggetti che sono rimasti se stessi, sopravvivendo a concorrenze spietate, mutamenti sociali e all’età che avanza. Il merito della loro longevità? Design, funzionalità, genialità dell’invenzione, ricette e comunicazione indovinate. Non sono molti gli oggetti che possono vantare percorsi luminosi e durevoli: nel volume Immortali ne sono stati individuati 60, prodotti che assumono il peso e l’onore di essere simbolo, cultura e persino emozione condivisa da persone, generazioni e luoghi distanti nella geografia e nel tempo. A ciascun oggetto è dedicata una doppia pagina: la foto offre un’immagine originale, un particolare che lo caratterizza, nel testo viene raccontata la storia e riportato qualche aneddoto; a margine una scheda riassuntiva con l’immagine intera, la data di nascita e il nome dell’inventore.

Ingresso libero fino a esaurimento posti 

 

Nessun commento:

Posta un commento