giovedì 16 marzo 2017

Dal 17 marzo a Palazzo Lascaris la mostra Abilitart, realizzata dall'Accademia Albertina di Torino

Il curatore Paolo Belgioioso
E' stata inaugurata oggi nella Galleria Belvedere di Palazzo Lascaris (via Alfieri 15), alla presenza del Presidente del Consiglio Regionale del Piemonte Mauro Laus, del Presidente dell'Accademia Albertina di Belle Arti Fiorenzo Alfieri, del Direttore Salvo Bitonti, del Presidente del Comitato Italiano Paralimpico del Piemonte Silvia Bruno, del docente di Storia dell'Arte Antonio Musiari e del curatore Paolo Belgioioso il progetto ABILITART, al termine di un percorso iniziato nel 2014 che ha visto le attività didattiche dell'Accademia arricchirsi di seminari, workshop e performance di atleti, con l’intento di incoraggiare gli oltre centocinquanta studenti inizialmente coinvolti nell’affrontare i temi della disabilità nello Sport.  Grazie al dialogo con gli atleti disabili, per confrontarsi con loro sul piano umano ed artistico, sono nate opere grafiche, pittoriche e fotografiche, con la volontà di rivelare le potenzialità ed eccellenze del corpo nonostante il limite, l’imperfezione, la disarmonia, raccolte in un piacevole catalogo.
L’iniziativa è realizzata in collaborazione con il Comitato Italiano Paralimpico e con la Fondazione Italiana Paralimpica, ed è patrocinata dal Pontificio Consiglio della Cultura. Quest’ultimo importante supporto morale si è rivelato fondamentale per il prezioso contributo introduttivo al catalogo delle opere da parte del Presidente, S.Em. Cardinale Gianfranco Ravasi.
ABILITART ha esordito durante il Primo Festival Internazionale delle Scuole d’Arte e di Design - FISAD 2015, tenutosi presso l’Accademia Albertina di Torino nel luglio 2015, in collaborazione con il Comitato Italiano Paralimpico, nell’anno di Torino Capitale Europea dello Sport. Premiato dal Lions Club, è stato riproposto in parte presso la sede Rai di Torino, in occasione del Prix Italia 2015. Il progetto espositivo è stato quindi richiesto nell’ambito dei Giochi Paralimpici 2016, per la sede di Casa Italia, ospitata per l’occasione presso la Paroquia Imaculada Conceição di Rio de Janeiro. 
La mostra risultante comprende circa quaranta opere individuali, ma anche un lavoro collettivo raffigurante tre Prigioni di Michelangelo, nei colori degli agìtos del logo paralimpico, rappresentanti la disabilità fisica nello Schiavo che si desta (rosso), psichica in Atlante (blu) e sensoriale nello Schiavo giovane (verde). È composto da centocinque tasselli realizzati da ottanta studenti con tecniche diverse. Tante mani per l’ARTE A SOSTEGNO DELLA DISABILITÀ.

Ecco l'elenco degli allievi che hanno dato vita al progetto:

Melissa Abate Daga, Federica Ambrosecchia, Nicolò Avanzi, Alessio Baldon, Davide Ballario, Jacopo Bassino, Federica Beltramo, Federica Benedetti, Eloisa Benna, Andrea Berardi, Daniel Bongioanni, Gabriele Bosco, Francesco Bronda, Ermanno Brosio, Rebecca Cafasso, Grazia Callegaro, Sara Campi, Federico Caputo, Laura Caratto, Daniel Carletto, Daniela Cecere, Haoxuan Chen, Iacopo Ciambrone, Alessandro Cugno, Stefano d'Anna, Miriam Del Seppia, Federico Donetti, Mariana Farima, Davide Faure, Ferdinando Faure, Federico Favaretto, Amaranta Flagelli, Noemi Gagliardo Corsi, Michela Gerbo, Yue Gin, Federica Giraudo, Veronica Gresia, Zavardehi Heidarzadeh, Maddalena Iannone, Ergis Kaloti, Liyun Lai, Yuxuan Liu, Giorgia Lo Faso, Alberto Longo, Maria Vittoria Marangon, Greta Martino, Sharon Modone, Francesca Molina, Beatrice Morino, Sheida Morshedi, Nouhiarbatan, Fabio Novara, Emilio Olivetti, Samanta Orsi, Cindy Ortiz, Alberto Parino, Serena Pastore, Claudia Petacca, Edoardo Piscitello, Davide Pognant Gros, Marco Poma, Giovanna Preve, Qiu Li Guo, Debora Quaglino, Fabio Riaudo, Arianna Rossi, Sandra Sallam, Arianna Sciarrone, Valentina Sorbara, Annamaria Surra, Federico Teppa, Greta Terveroli, Mattia Trevisan, Marco Vacchetta, Melissa Valeri, Wang Changpeng, Wang Yikai, Wei Xi, Yue Yin, Elena Zambon.

ABILITART è visibile ad ingresso libero dal lunedì al venerdì, in orario 10-18. Terminerà il 28 aprile 2017.

Nessun commento:

Posta un commento