martedì 7 marzo 2017

Ingresso a 1 euro per tutti e molte visite a tema per l'8 marzo con Fondazione Torino Musei

Per la Festa della Donna di mercoledì 8 marzo saranno come sempre molte le offerte museali per approfondire alcuni argomenti dell'universo femminile. 
Vi sottopongo in questo articolo gli appuntamenti proposti dai gestiti della Fondazione Torino Musei, che mi sembrano decisamente allettanti. 
Tra l'altro per tutte le sedi (a parte la mostra sui cento anni de La Stampa a Palazzo Madama) il biglietto di ingresso sarà solo di 1 euro per tutti i visitatori.

Palazzo Madama
Apertura straordinaria fino alle ore 22.00 della mostra LA STAMPA FOTOGRAFA UN’EPOCA (a tariffa ordinaria) e alle 18.00 conferenza DONNE CHE RACCONTANO LE DONNE.
Alle 18.00 Palazzo Madama propone l’incontro Donne che raccontano le donne, una chiacchierata al femminile con 4 firme de La Stampa in occasione della mostra per i 150 anni del quotidiano torinese. Partecipano Cynthia Sgarallino, Art Director e curatrice della mostra “La Stampa fotografa un’epoca”; Alessandra Comazzi, giornalista e critica televisiva; Maria Corbi, giornalista e curatrice della rubrica “La risposta del cuore”; Stefanella Campana, giornalista e responsabile della Commissione Pari Opportunità della Stampa Subalpina. L’ingresso alla conferenza è riservato a coloro che visiteranno la mostra nel corso della giornata. La prenotazione è obbligatoria (tel. 011 4436999, da lunedì a venerdì, orario 9,30-13 e 14-16 | e-mail: didattica@fondazionetorinomusei.it).
Costo: 5 euro (3 euro saranno devoluti in beneficienza alla Fondazione Specchio dei Tempi Onlus per il progetto “Un tetto a chi soffre”).

Borgo Medievale
DONNE NEL MEDIOEVO
Visita guidata in costume alle ore 17.00
Nel mondo medievale la donna aveva un ruolo molto diverso nella società rispetto ad oggi. Costretta a obbedire, era prima di tutto figlia e poi moglie. Tuttavia, anche a quel tempo, ci sono state donne capaci di competere per fama e ruolo alla figura maschile, e a volte per questo tacciate di stregoneria. Un itinerario, attraverso le stanze della Rocca accompagnati da una nobildonna del 1400, per dar vita a personaggi e luoghi in rosa.
Costo: 5.00 euro + biglietto di ingresso a tariffa straordinaria 1 €.
Per chi desiderasse proseguire la serata, la Caffetteria del Borgo organizza un aperitivo tematico, fino alla chiusura del Museo.

GAM Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea
DONNA È MUSA
Visita guidata alle ore 17.00
Attraverso l'analisi di alcune opere delle collezioni permanenti del museo si evidenzierà quanta importanza ha avuto nell'arte la figura della donna che ha sempre ricoperto un ruolo fondamentale, sia come ispiratrice di grandi opere sia come fautrice di capolavori. Per l'occasione si potranno ammirare opere di Medardo Rosso, Giovanni Boldini, Amedeo Modigliani, Pino Pascali, Marina Abramovic.
Costo: 5.00 euro + biglietto di ingresso a tariffa straordinaria 1 €.
Info e prenotazioni: 0115211788 – prenotazioniftm@arteintorino.com

MAO Museo d’Arte Orientale
IL FEMMINILE TRA SACRO E PROFANO, LA DONNA NELLE COLLEZIONI DEL MAO
Visita guidata alle ore 17.00
In occasione della festa della donna il Mao propone un itinerario volto ad illustrare alcuni significati del Femminile nella produzione artistica delle culture orientali rappresentate dalle opere della collezione permanente del museo. Nella galleria dell’Asia Meridionale e della Regione Himalayana viene presa in esame la donna come Dea rispettivamente legata alla religione induista e al buddhismo tibetano. Nella galleria della Cina, Giappone e Paesi islamici dell’Asia si analizzerà la figura femminile legata a un contesto laico. Attraverso una selezione di opere potremmo soffermarci sulla concezione della donna nei due Imperi della Cina; sulla figura di artista e scrittrice in Giappone e, sulla sua raffigurazione sulle ceramiche e piastrelle dei Paesi islamici dell’Asia.
Costo: 5.00 euro + biglietto di ingresso a tariffa straordinaria 1 €.
Durata: 60 minuti. Info e prenotazioni: 0115211788 – prenotazioniftm@arteintorino.com

Nessun commento:

Posta un commento