domenica 28 maggio 2017

A Palazzo Madama un'incontro con Miguel Gleason sugli oggetti messicani presenti in Europa


Continuano gli appuntamenti a Palazzo Madama in occasione della mostra "Cose d'altri mondi. Raccolte di viaggiatori tra Otto e Novecento". Lunedì 29 maggio alle ore 17,30  ci sarà un incontro con il ricercatore e giornalista Miguel Gleason sul tema "Messico Insolito in Europa"

Miguel Gleason - Nato a Città del Messico (1962), dopo aver terminato gli studi universitari in comunicazione presso l’Universidad Iberoamericana, ha vinto il premio cinematografico "Ariel" per il suo documentario "Himalaya Expedition". È giornalista e fotografo per varie riviste e giornali in Messico e in Europa. Con sovvenzioni dal FONCA (governo messicano) e il governo francese ha studiato la produzione di film e video a Les Ateliers Varan della città di Parigi. È fondatore dell’associazione "Messico in Europa" il cui scopo è inventariare e diffondere il patrimonio culturale messicano presente nel vecchio continente. Dal 2001 la sua ricerca si concentra sulla registrazione. Dopo aver completato l'indagine e la registrazione degli oggetti del patrimonio culturale messicano in Europa, ha deciso di continuare il suo lavoro in America, dove ha individuato circa 228 musei e agenzie con opere d'origine o tema messicano in almeno 140 città americane e canadesi.

Gleason dal 2001 ha registrato e fotografato circa 9.000 oggetti del patrimonio culturale messicano in Europa. Si tratta di opere d’arte realizzate in Messico dall’antichità ai giorni nostri e oggi conservate in 450 tra musei, chiese, biblioteche di 320 città europee, dalla Danimarca alla Spagna, dalla Finlandia all’Italia all’Irlanda. La sua ricerca è confluita nel volume fotografico México Insólito en Europa, pubblicato nel 2015 con una prefazione di Miguel Leon-Portilla. 

L'evento è ad ingresso libero ed è realizzato in collaborazione con il Sistema Museale Ateneo di Torino e con il Consolato del Messico a Milano

Altre informazioni:   www.palazzomadamatorino.it



Nessun commento:

Posta un commento