martedì 9 maggio 2017

Al MAO si discute sulle implicazioni per l'Italia della nuova globalizzazione cinese

Nell'ambito della mostra "L'antica e la nuova via della seta" il MAO - Museo d'Arte Orientale (via San Domenico 11 a Torino) propone per mercoledì 10 maggio alle ore 18 l'intervento del prof. Giovanni Andornino sul tema: "La globalizzazione secondo Pechino e le implicazioni per l’Italia", a cura de "Il Mulino".
Si parlerà soprattutto della BRI, la vision cinese a tutto tondo sulle prospettive di connettività eurasiatica lanciata dal Presidente Xi Jinping a fine 2013: probabilmente si tratta dell'espressione più attuale e compiuta del modo in cui da sempre la Repubblica Popolare Cinese e la sua leadership ambiscono a posizionarsi nel contesto internazionale. Quali sono i lineamenti di questa strategia, presentata fin dalla sua denominazione come progetto di co-sviluppo, ben compreso nella narrazione della "globalizzazione inclusiva" promossa da Xi Jinping a Davos nel gennaio scorso? Quali le sue implicazioni sull'Europa e sulla regione del Mediterraneo allargato? E quali le basi di consenso su cui la politica estera cinese può contare nell'opinione pubblica internazionale in questa fase?

Giovanni Andornino è docente di Relazioni Internazionali dell'Asia Orientale presso la Facoltà di Scienze Politiche dell'Università di Torino e la Facoltà di Scienze Linguistiche dell'Università Cattolica del Sacro Cuore. Dal 2009 è Visiting Professor presso la School of Media and Cross-Cultural Communication, Zhejiang University, Hangzhou (PRC). Ha conseguito un Master in Global History presso la London School of Economics ed è dottore di ricerca in Rappresentazioni e comportamenti politici (Università Cattolica di Milano). Autore di Dopo la muraglia. La Cina nella politica internazionale del XXI secolo (Vita e Pensiero 2008), ha pubblicato tra l'altro su Teoria Politica, China & World Economy e per i policy briefs di ISPI. Il suo capitolo su "China and Global Governance" sta per uscire nell'ambito del nuovo manuale Routledge A Handbook of Chinese International Relations (2010). Dal 2009 coordina un gruppo di ricerca internazionale sul progetto "Engineering a global framework for Europe's strategic policy-making. 'Effective multilateralism' for the governance of a multipolar world." E' anche General Editor del portale TheChinaCompanion (www.thechinacompanion.eu), specializzato in politica, relazioni internazionale ed economia politica della Cina contemporanea. Dal 2007 coordina TOChina, l'unità di lavoro sulla Cina attiva presso la Facoltà di Scienze Politiche dell'Università di Torino (www.to-china.it).

Ingresso libero alle conferenze fino esaurimento posti disponibili. I tagliandi gratuiti verranno distribuiti a partire da mezz’ora prima dell’inizio dell’appuntamento.

Altre informazioni:   www.maotorino.it

Nessun commento:

Posta un commento