lunedì 15 maggio 2017

L'artista Ezio Gribaudo ha omaggiato l'opera "Libri" alla Biblioteca Nazionale Universitaria. Rimarrà esposta fino al 15 luglio in piazza Carlo Alberto


Oggi lunedì 15 maggio è stato inaugurato un'altro simbolico monumento dedicato alla cultura: l'artista di fama internazionale Ezio Gribaudo ha infatti omaggiato la sua opera "Libri", realizzata nel 2007, alla Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino in quanto luogo deputato di conoscenza e sapere, sede dei manoscritti di Antonio Vivaldi e dell’omonimo auditorium. 
L'opera "Libri" è stato presentata e ricevuta  dall'Associazione ABNUT (Amici della Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino) presso l’Auditorium Vivaldi, per poi essere collocata in una delle piazze più evocative di Torino, Piazza Carlo Alberto, proprio davanti alla Biblioteca Nazionale. Si tratta di una pila di volumi in pietra leccese bianca, impilati in linea verticale, che in occasione della mostra "L’approdo inaspettato" rimarrà in Piazza Carlo Alberto sino al 15 luglio. La pietra leccese bianca è per l’artista tra i materiali scultorei tra i più idonei a dare una resa immaginale di uno degli strumenti conoscitivi più alti, ovvero il libro: il libro del biancore assoluto che raccoglie il contenuto di tutti i libri possibili o esistenti.
La cerimonia in piazza Carlo Alberto si è svolta in presenza del vice sindaco Guido Montanari e del vice presidente del Salone del Libro Mario Montalcini; sono intervenuti, oltre alle autorità citate, Ezio Gribaudo, il generale Franco Cravarezza e il sindaco di Occimiano Valeria Olivieri.

Nessun commento:

Posta un commento