giovedì 8 giugno 2017

Alla Biblioteca della Regione Piemonte le cartoline della Torino di inizi Novecento


La nuova mostra “Sulle rive del Po. Immagini e note” appena inaugurata presso la Biblioteca della Regione Piemonte (Torino, via Confienza 14) e promossa dal Consiglio regionale del Piemonte, per la curatela di Silla Boella, ci riporta indietro nella Torino di fine '800 e inizi '900, quando le cartoline erano ancora considerate di minore importanza artistica rispetto ai manifesti pubblicitari e alle stampe d'epoca, pur essendo spesso realizzate con il gusto e la  raffinatezza tipici di quell'epoca storica. Quelle che ammirerete in questa piccola esposizione ad ingresso libero vi faranno riflettere su quanto la nostra città possa essere scenograficamente comparata ad una grande quinta teatrale, con i palazzi che si affacciano sui viali alberati e disegnati da grandi maestri dell’architettura barocca e neoclassica. Nel periodo fra il 1884 e il 1911, contrassegnato da ben quattro esposizioni internazionali solle rive del Po a livello del Valentino, Torino è nel pieno delle conquiste industriali e sociali, dopo essere rinata in seguito alla perdita del ruolo di capitale ed aver sempre più abbandonato la sua antica vocazione agricola. Oltre alle classiche vedute cittadine, preparatevi quindi ad osservare cartoline realizzate dai maggiori pubblicitari dell'epoca, come Dudovich, Boccasile, Mauzan, con le sfolgoranti illustrazioni per i prodotti di industrie come le già avviate Martini, Cinzano, Talmone o la nascente Fiat.
Ha così commentato la curatrice Silla Boella: “Disegnatori italiani di fama, tra cui i torinesi Golia (il pittore Eugenio Colmo), Attilio Mussino, Paola Bologna, hanno schizzato le cartoline stampate dall’Elzeviriana di Torino che vennero vendute colorate a mano dagli stessi ragazzi. Con lo stesso criterio furono stampate e vendute le cartoline per l’assistenza ai bambini in tempo di guerra. Questa esposizione, attraverso le cartoline e gli spartiti musicali, vuole ricordare Torino e alcuni avvenimenti e personaggi che l’hanno resa famosa in pace e in guerra da fine Ottocento agli anni Trenta”.

La mostra sarà visitabile fino al 29 settembre 2017. Orari: dal lunedì al giovedì ore 9.00 - 12.30; 14.00 - 16.00. Il venerdì ore 9.00 - 12.30. La Biblioteca resterà chiusa dal 14 al 18 agosto.

Nessun commento:

Posta un commento