giovedì 22 giugno 2017

E' nato "Rinascimenti Culturali": il nuovo polo culturale del Collegio Artigianelli


Una nuova realtà è nata a Torino per promuovere arte, cultura, educazione ed imprenditoria sociale; si chiama “Rinascimenti Culturali” e trova spazio all’interno del Collegio Artigianelli, casa madre della congregazione dei Giuseppini del Murialdo. Il luogo è da ben 150 anni un noto centro di aggregazione, progettazione ed implementazione di servizi a sostegno dell’infanzia, dei giovani, della famiglia e del lavoro. Malgrado le difficoltà degli ultimi anni, legate alla crisi economica e del mercato del lavoro, il collegio aveva dato il via nel 2012 al progetto Artigianelli 150, rivedendo gli spazi di corso Palestro 14 per renderli capaci di ospitare proposte di aggregazione giovanile e generare nuove occasioni di educazione, accoglienza e formazione. Nel 2015 era nato Rinascimenti Sociali, prima start-up torinese per selezionare soluzioni innovative alle più pressanti sfide sociali, accompagnarle nel processo di strutturazione come imprese sociali, generando nuova economia e impatto sociale. Oggi con Rinascimenti Culturali la stessa filosofia viene applicata con l'idea di combattere l'impoverimento culturale e sociale attraverso proposte innovative e di alto profilo.
I locali in fase di ristrutturazione diventano un luogo di incontro di alcune importanti realtà culturali torinesi, capaci di proporre attività artistiche ed enogastronomiche fruibili dall'intera città: EtikØ e l’impresa sociale culturale ART 9, Arte Brachetti, il Teatro della Caduta e la Fondazione Museo Ettore Fico saranno promotori di progetti educativi e culturali rivolti in particolar modo ai giovani.
Il Teatro Artigianelli, costruito nel 1913, per decenni utilizzato come luogo per l’educazione dei ragazzi orfani e poveri, diventerà a partire dalla prossima stagione teatrale “Il Music-Hall”, sotto la direzione artistica di Arturo Brachetti e del Teatro della Caduta. Sarà un vero e proprio hub dello spettacolo, che coniugherà modelli di produzione, programmazione ed imprenditorialità sviluppati in ambiti diversi così da costruire una comunità partecipe dal punto di vista artistico e sociale.
Il Cafè Artigianelli, locale che affianca il teatro e per anni è stato sede del refettorio, è stato invece affidato alla Fondazione Museo Ettore Fico, che lo trasformerà in MEF Outside: una nuova sede espositiva a due passi dal centro di Torino che instaurerà un link ancora più stretto con la periferia e l'attuale MEF, già da tempo promotore di progetti per rilanciare Barriera di Milano. A questo proposito è già stata annunciata una mostra, che sarà inaugurata il 4 ottobre e che esporrà per la prima volta in Italia le opere dell'artista francese Niki de Saint Phalle.

Rinascimenti Culturali, è giusto precisarlo, è stato reso possibile grazie ad investimenti privati, in primis quelli della stessa Congregazione del Murialdo. Ma hanno sostenuto la causa anche Compagnia di San Paolo e Fondazione CRT.

Nessun commento:

Posta un commento