giovedì 22 giugno 2017

Sta per partire il progetto "Luoghi Viventi". Nove racconti inediti di grandi scrittori per una visita al museo completamente nuova


Selezionate tre importanti sedi museali: a Torino il Museo Egizio; a Chambery in Francia il Musée des Beaux-arts e Les Charmettes, in cui soggiornò Jean-Jacques Rousseau. Incaricate alcuni celebri autori di scrivere nove racconti inediti con trame ambientate nelle stesse. Realizzate una App per smartphone che permetta di ascoltare le storie - lette da celebri attori e doppiatori - mentre vi aggirate fra le sale museali. In pratica il gioco è fatto: è nato il progetto "Luoghi Viventi. Racconti d'autore per musei da vivere", grazie alla sinergica collaborazione tra il Circolo dei lettori, il Museo Egizio e la Città di Chambéry, con il finanziamento del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Interreg-Alcotra, programma di cooperazione transfrontaliera tra Francia e Italia che contribuisce alla strategia Europa 2020 per una crescita “intelligente, sostenibile e inclusiva”, destinato a ricerca e innovazione.
Gli scrittori selezionati dal Circolo dei Lettori sono: Francesco Tullio Altan, Niccolò Ammaniti e Antonio Manzini, Maylis De Kerangal, GauZ, Nathalie Gendrot, Carlo Lucarelli, Alice Rohrwacher e Léa Gazzurra, e Roberto Saviano.

Al Museo Egizio sarà la voce dello stesso Saviano, insieme a quelle di, tra gli altri, Vinicio Marchioni e Neri Marcorè, a condurvi alla scoperta dei fatti avvenuti intorno agli scioperi degli operai nel villaggio di Deir el-Medina. Maylis De Kerangal, celebre per il suo "Riparare i viventi" (Feltrinelli), ha scelto invece di raccontare i famosi scavi dell’egittologo Schiaparelli, attraverso un carteggio romantico tra un giovane archeologo e sua moglie, raccontato dagli attori Thomas Trabacchi e Andrea Sartoretti.
Niccolò Ammaniti e Antonio Manzini hanno partecipato con un soggetto, sceneggiato da Fabio Natale, protagonista un giovane studente al quale i musei non piacciono per niente. La visita, da fare passo dopo passo insieme a lui, diventa un viaggio tra i reperti archeologici e nella memoria stessa del ragazzino, grazie anche all’interpretazione di, tra gli altri, Chiara Francini e Neri Marcorè.
La regista Alice Rohrwacher, insieme a Léa Gazzurra, è stata ispirata dall’affascinante figura di Merit, sposa di Kha, e dalla sua tomba trovata inviolata. Scaricando l’applicazione Luoghi Viventi, è possibile ascoltare la sua storia "Diario di una scoperta", raccontata dall’attrice Alba Rohrwacher e dall’attore Giovanni Moretti, visitando la sala del museo che ne conserva i resti. Con la Pimpa di Altan i bambini scopriranno invece i segreti della Sfinge, accompagnati dalla scarabea rosa Khep, bravissima a tradurre i geroglifici, e dalla voce indimenticabile della cagnolina, quella di Francesca Vettori.

La Pimpa sarà presente anche al Musée des Beaux-arts di Chambéry, accompagnata dal suo padrone
Armando, in dialogo con l'eccezionale collezione di dipinti italiani dal XIV al XIX secolo. Questa volta, oltre a Francesca Vettori, Giorgio Scaramuzzino interpreta l’amico preferito della cagnolina.
Per gli adulti ci sarà la trama crime firmata da Carlo Lucarelli, maestro del genere: un vero e proprio giallo da ascoltare per scoprire, insieme al commissario, chi è l’assassino. È lo scrittore stesso a prestare la voce al narratore, mentre gli altri personaggi sono interpretati da, tra gli altri, Vinicio Marchioni e Chiara Francini.

Les Charmettes, dimora in cui visse Jean-Jacques Rousseau sotto la protezione della nobildonna Françoise-Louise de Warens, sarà "abitata" dal racconto di GauZ’, originario della Costa d’Avorio, conosciuto in Italia grazie a "Posti in piedi" (Elliot), che ne ha scritto anche le musiche, e da quello di Nathalie Gendrot, giovane regista e autrice di "Le monde sensible" (Éditions de l'Olivier), che dà la parola a un misterioso visitatore della casa. Roberto Accornero e Cesare Jacopo Rasini, tra gli altri, interpretano i personaggi.

Il progetto sperimentale "Luoghi viventi" sarà fruibile a partire dal 7 luglio 2017.

Nessun commento:

Posta un commento