martedì 25 luglio 2017

Con "Il Monello" di Chaplin e "Cops" di Keaton un'altra serata ai Musei Reali in compagnia dei grandi classici

Martedì 25 alle ore 22 per Cinema a Palazzo Reale è in programma un'altro dei maggiori classici della storia del cinema: "Il Monello" di Charlie Chaplin (1921), suo primo lungometraggio della durata di 80 minuti.


Questa volta il mitico Charlot è un umile vetraio, che raccoglie ed alleva un bambino abbandonato dalla madre vittima di un seduttore. Il bambino aiuta il suo padre adottivo rompendo di proposito i vetri delle case, creando scompiglio. Charlot a sua volta lo salva dalle grinfie delle dame di carità, che vorrebbero portarselo via, e riesce dopo varie peripezie a riconsegnarlo alla madre, che nel frattempo si è arricchita.

Il film è notevole per essere a metà tra il dramma e la commedia; le parti tragiche sono numerose, come quella dell'intervento delle puritane che vengono a prendere il ragazzo per rinchiuderlo in un orfanotrofio (episodio peraltro autobiografico, visto che la camera in cui Charlot vive è rifatta su modello di quella della sua infanzia). Ma nella stanza si svolgono anche vari episodi, soprattutto riguardanti l'educazione del bambino, pieni di humour e tenerezza. Non mancano i momenti di lirismo, come nella sequenza del sogno, in cui gli abitanti della zona hanno le ali e volano come angeli, e poichè non smettono di litigare si strappano le piume che vanno a riempire lo schermo. Il piccolo Jackie Coogan, che all'epoca aveva solo cinque anni, assume grazie a Chaplin l'aspetto di un Charlot bambino, dalla notevole spontaneità e simpatia. Anche per questo il film ottenne un successo trionfale di critica e di pubblico, ed è ancora oggi apprezzato da molti appassionati.

Nella stessa serata di martedì 25 viene anche proposto il cortometraggio "Cops" di Buster Keaton (1922), che ha tutte le caratteristiche per essere un film comico perfetto, dal ritmo impeccabile e gag che s'innescano con straordinario tempismo. Se dapprima Keaton è un cocchiere ed autista maldestro; poi si scatena contro di lui un'assurda caccia all'uomo con dozzine di poliziotti che lo inseguono ovunque, ma che vengono ovviamente sempre depistati. L'edizione che vedrete è stata restaurata di recente dalla Cineteca di Bologna.

Apertura biglietteria alle 21. Ingresso dal Portone di Palazzo Reale (piazzetta Reale 1). Biglietto a 6 euro; ridotto 5 euro (Abbonamento Torino Musei, Aiace Torino, Universitari, Under 18); ridotto 4 euro (over 65, convenzioni). Abbonamento 10 film a 40 euro. Per “Il cinema ti porta al museo!” conservando il biglietto (intero) degli spettacoli si entra con il biglietto ridotto ai Musei Reali, Palazzo Madama, Gam, Mao e Borgo Medievale. Con il biglietto di ingresso intero degli stessi musei e delle mostre, si ha la riduzione a 4 euro sull’ingresso ai film.

Leggete il programma completo di CINEMA A PALAZZO REALE al seguente link:
http://sguardisutorino.blogspot.it/2017/07/dal-22-luglio-al-2-settembre-torna-il.html

Nessun commento:

Posta un commento