domenica 2 luglio 2017

Ha riaperto in parte la Pinacoteca Albertina con la mostra "Corpi di Carta" sugli storici testi di Anatomia


Nell'attesa che terminino i lavori di adeguamento al sistema antincendio, la splendida Pinacoteca Albertina (via Accademia Albertina 8 a Torino) ha riaperto almeno parzialmente a partire dal 1 luglio con la mostra "Corpi di Carta", a cura di Roberta Merlino, Antonio Musiari e Fernanda Tartaglino.
L'esposizione offre al pubblico una selezione, tratta dalla Biblioteca storica dell'Accademia Albertina, di sei preziosi testi illustrati di Anatomia, editi dal 1756 al 1862. A questo prezioso nucleo è accostato il manoscritto di un altro trattato, "Elementi di anatomia fisiologica applicata alle Belle Arti figurative" di Francesco Bertinatti, pubblicato poi in due tomi a Torino nel 1839 con il corredo di un fascicolo di tavole, un gruppo delle quali viene esibito nel percorso. Risalgono al medesimo ambito cronologico le trenta incisioni e litografie anatomiche in mostra, conservate nel Gabinetto delle Stampe dell'Albertina. Ventisei fogli provengono da raccolte firmate da artisti francesi: Pierre Planat, Léon Noël, Bernard-Romain Julien e Julie Ribault. Il confronto con i trattati dichiara l'opzione estetica, definita dal magistero di Bertinatti, di aggiornare la scuola torinese sulle novità d'oltralpe realizzate negli esempi grafici da commentare in aula. Questa campionatura dal patrimonio dell'Albertina fa riscoprire quella che fu lungo il XIX secolo la possibilità di trasmissione, formale ma coerente, del bello mediante la fusione di sapere empirico e fascino normativo della classicità. Si tratta di materiali di rara importanza, anche nel loro essere rimasti fin qui poco o per nulla noti al pubblico. La sinergia tra i curatori dell'iniziativa – docenti titolari presso l'Albertina: Roberta Merlino e Fernanda Tartaglino per l'Anatomia artistica, Antonio Musiari per la Storia dell'Arte – ha permesso di ritrovare, organizzare e valorizzare volumi e fogli attraverso la ricerca storico-critica. Le fasi dell'apprendistato di pittori e scultori a partire dai fondamenti scientifici attinti alla medicina, per continuare con gli sviluppi nell'osservazione diretta e nell'interpretazione dell'anatomia umana diventano, grazie a Corpi di carta, anche chiavi di lettura delle opere maturate dagli artisti al termine della loro formazione. Speculare si afferma, nella visita alla mostra come nella lettura del catalogo, la forza dell'insegnamento – in particolare di Bertinatti – che ben si lascia cogliere proprio dagli strumenti (i fogli proposti alla copia, i libri illustrati) e dai risultati di mano degli allievi. Tra i risultati si annoverano due disegni e due dipinti ad olio, in cui si apprezza con peculiare evidenza l'eco visiva dell'itinerario segnato da Corpi di carta. Il primo disegno, Lezione d'anatomia in Grecia di Louis Lafitte, si ammira nella Pinacoteca dell'Albertina dal 1844 entro una ricca e fantasiosa cornice di Giuseppe Maria Bonzanigo.

L'altro disegno, sola opera esposta non di proprietà dell'Accademia, è una copia anonima da una litografia di Julien, testimonianza dell'attenzione ai modelli su carta che nel XVIII e XIX secolo caratterizzava l'inizio degli studi. I soggetti delle due tele sono un Nudo maschile, prodotto della scuola di Jacques-Louis David, e Andrea Vesalio che studia anatomia di Carlo Bonatto Minella, premiato nel 1876 al Concorso accademico triennale di Pittura. Questo secondo dipinto, di tema storico, chiude l'arco di tempo tracciato da Corpi di carta con l'omaggio di un allievo dell'Albertina ad uno dei padri della medicina, Vesalio appunto, che con il suo De humani corporis fabrica, apparso nel 1543, aprì la strada ai moderni studi di anatomia. I saggi in catalogo approfondiscono la formazione della collezione di testi e stampe di Anatomia nella Biblioteca dell'Accademia Albertina (Musiari), il manoscritto di Francesco Bertinatti (Merlino) e il grande volume illustrato dedicato da Jean Galbert Salvage al Gladiateur combattant (Tartaglino).

Orari: lunedì, martedì, giovedì, venerdì, sabato, domenica dalle ore 10.00 alle ore 18.00. Ultimo
ingresso alle ore 17.30. Mercoledì chiuso. La mostra sarà visibile fino al 3 settembre 2017.

Nessun commento:

Posta un commento