venerdì 7 luglio 2017

Torna nel weekend per la sesta edizione il Kappa Futurfestival a Parco Dora


Giunto ormai alla sesta edizione torna l'8 e 9 luglio dalle 12,00 alle 24,00 al Parco Dora di Torino il "Kappa Futurfestival – Torino Summer Music Festival", che sui suoi tre palchi coinvolgerà 45 artisti tra i più importanti della scena internazionale per quanto riguarda la musica elettronica e le arti digitali outdoor, tra i quali Fatboy Slim, Paul Kalkbrenner, Nina Kraviz e Carl Cox, oltre a 21 musicisti italiani, di cui 15 torinesi. Insieme al Movement Festival il Kappa Futurfestival è l'unico evento di questo tipo ad aver ricevuto il patrocinio della Commissione Europea negli anni 2016 e 2017: si stimano 36.000 presenze, di cui circa 7.500 provenienti da 48 paesi.

“Il Kappa FuturFestival è un importante format open air di musica elettronica che richiama nella nostra città migliaia di giovani provenienti da tutta Europa per partecipare a questo tradizionale appuntamento di luglio – ha sottolineato l’assessore al Turismo e Commercio, Alberto Sacco -. Eventi come questo richiamano ogni anno a Torino centinaia di migliaia di persone e rappresentano una straordinario veicolo di promozione per il capoluogo subalpino. La musica contribuisce a favorire lo sviluppo dell’industria turistica, fatto tutt’altro che irrilevante proprio per una città dove l’economia negli ultimi anni ha cambiato pelle, diversificandosi e puntando anche sul turismo e su tutto ciò che ne favorisce la crescita. Il Festival è anche l’occasione per incrementare l’economia del territorio attraverso il coinvolgimento di artigiani, imprenditori e di tutte quelle realtà locali che operano in sinergia per la buona riuscita del festival. Auguro agli organizzatori il successo che merita".

Se da una parte la cooperazione europea con il Futurfestival ha portato a sposare le iniziative che la Città di Torino propone nell’ambito del progetto SOCIALCAR – Horizon 2020 per una mobilità sostenibile, come la possibilità di utilizzare il nuovo servizio di taxi condiviso Wetaxi in occasione del Festival (che permette risparmi sulle corse fino al 50%), dall'altra si assiste ad un consolidamento del legame con il territorio grazie al prevalente impiego di fornitori regionali (impiego di 500 risorse umane) ed all'interazione con gli operatori turistici locali. Tutto ciò porta a stimare una ricaduta economica locale di 10 milioni di euro per oltre 10.000 pernottamenti nelle strutture alberghiere cittadine. Il Futurfestival ha anche aderito all’invito dell’Amministrazione Comunale di offrire supporto organizzativo alla Comunità Islamica in occasione della tradizionale Festa di Fine Ramadan, ed ospiterà anche la fondazione MedAcross per una raccolta fondi a sostegno dell’innovativo progetto medico-umanitario “Mobil Clinic”.

“La presenza del festival aveva in passato creato malumori tra i residenti a causa delle emissioni sonore – ha spiegato l’assessore all’Ambiente -. Quest’anno abbiamo avviato un percorso di condivisione con i cittadini grazie al monitoraggio, da parte degli organizzatori e dei partner del progetto Monica-Horizon2020, delle emissioni sonore attraverso l’uso di sensori e del parallelo controllo da parte dei residenti, così da permettere agli spettatori di vivere una importante occasione di musica dal vivo e ai residenti di essere soggetti attivi nella difesa dei loro diritti”.

Tenetevi informati al sito ufficiale: www.futurfestival.com

Nessun commento:

Posta un commento