lunedì 10 luglio 2017

Una mostra fotografica all'URP per promuovere il territorio di Villar Pellice

Presso l'URP - Ufficio Relazioni con il Pubblico del Consiglio Regionale del Piemonte (via Arsenale 14/G a Torino) è visibile la mostra fotografica "Villar Pellice e le Valli Valdesi", dedicata alla storia ed alle molte bellezze del territorio di Villar Pellice, con immagini dello storico d'arte e giornalista Gianni Vurchio e didascalie del giornalista Massimo Boccaletti
L'importanza di Villar Pellice nella storia piemontese è legata soprattutto alla guerra di Liberazione e a patrioti del calibro di Emanuele Artom e di Guglielmo 'Willy' Jervis, che il 5 agosto 1944 venne fucilato sulla piazza con altri quattro partigiani". Attualmente il territorio di 60 chilometri quadrati ospita 1100 residenti e si basa soprattutto sull'agricoltura e sul Feltrificio Crumiére, fondato nel lontano 1904 da un imprenditore che, come Olivetti a Ivrea, mirò non solo allo sviluppo economico ma anche al benessere sociale ed economico dei propri operai e dell'intera valle". 

"La mostra - spiega Gianni Vurchio - racconta la storia di Villar Pellice e delle sue valli a partire dagli inizi del Novecento, mettendone anche in rilievo la vocazione turistica non di massa ma capace di attrarre gli amanti dei luoghi ricchi di bellezze ambientali, di storia e di cultura".

"Per l'Urp del Consiglio regionale abbiamo scelto, tra tante, le foto più belle e significative - aggiunge Massimo Boccaletti - con la speranza che possano essere, prima o poi, raccolte in un libro". 

La mostra, che sarà visitabile fino al 26 luglio, fa parte di un progetto per le attività culturali promosse dal  Comune di Villar Pellice, dall'Ecomuseo Crumière in collaborazione con l’Irel - Istituto per la tutela dei beni cartacei di Torino con l'intento di promuovere maggiormente la zona.

La mostra è integrata con un corredo di costumi e di attrezzi contadini tipici della valle di Villar.

ORARI: dal lunedì al giovedì dalle 9 alle 12.30 e dalle 14 alle 15.30 e il venerdì dalle 9 alle 12.30.

Nessun commento:

Posta un commento