lunedì 6 novembre 2017

Da sabato 11 novembre riapre al pubblico il Castello Reale di Moncalieri. Grazie al contributo di Compagnia di San Paolo


Udite, udite! Perchè adesso c'è anche la data. Il bellissimo Castello di Moncalieri, dopo il terribile incendio che nove anni fa, il 5 aprile 2008, ne aveva rovinato l'Appartamento di Vittorio Emanuele II ed il torrione di sud-est, riaprirà al pubblico a partire da sabato 11 novembre. La sua chiusura era stata praticamente totale tranne, in occasione di alcune mostre, l'accessibilità limitata ad alcune sale. Ora verrà riaperto l'intero percorso, che si sviluppa attraverso gli Appartamenti delle Principesse Maria Letizia e Maria Clotilde di Savoia, la Cappella Reale e l’Appartamento del Re Vittorio Emanuele II.

Se la storica dimora, abitata fino al 1926 da principesse, duchi, re e regine torna oggi fruibile lo dobbiamo essenzialmente al contributo di Compagnia di San Paolo, che fin dall'inizio ha stanziato ben 4 milioni di euro per l'importante impresa; ma importante è stato pure il lavoro dehli architetti del MiBACT e dagli abili restauratori che hanno visto il coinvolgimento del Centro Conservazione e Restauro La Venaria Reale e di ARCUS.
Il Castello Reale di Moncalieri, che dal 1948 è in parte sede del I Battaglione Carabinieri "Piemonte", era nato originariamente come una roccaforte medievale, allo scopo di difendere, vista la posizione dominante del colle su cui sorge, gli abitanti di Testona durante le lotte tra Asti e Chieri. Fu Tommaso III di Savoia a far costruire nel 1277 una torre ed una porta merlata, mentre bisogna attendere il '400 per l'aggiunta dei quattro torrioni circolari richiesti da Jolanda di Valois.
Dopo la pace di Cateau Cambresis nel 1559, la prima Madama Reale trasformò l'antica fortezza in dimora regale arricchendo altresì il parco di circa duecento alberi. 
Divenuto centro di feste mondane, il Castello venne costantemente abbellito ed arricchito di capolavori d'arte, mentre vennero apportate enormi migliorie alle strutture circostanti ad opera del Castellamonte e di Benedetto Alfieri
Durante la dominazione francese del 1798 il luogo fu usato anche come ospedale e carcere. Con la restaurazione la vita all'interno del castello riprese e l'edificio passò di nuovo ai Savoia.
Il 20 novembre 1849 vi fu firmato il Proclama di Moncalieri, controfirmato da Massimo d'Azeglio, con cui il re scioglieva la Camera dei Deputati e faceva approvare alla nuova Camera il trattato di pace con l'Austria.In epoca fascista divenne sede dei rappresentanti gerarchi e poi dei nazisti; fu infine usato come rifugio per gli sfollati rimasti senza dimora.
Oggi fa parte delle Residenze Sabaude del Piemonte che sono iscritte dal 1997 nella Lista del Patrimonio Mondiale UNESCO, in quella che viene definita la "Corona di Delizie", destinata allo svago e alla caccia.
 
Informazioni e modalità di visita:
Apertura: venerdì, sabato e domenica: 10.00-18.00 (ultimo ingresso alle ore 17.00).
Fino al 31 gennaio 2018: ingresso e visite guidate gratuite.
Prenotazione obbligatoria (con ingresso a orario prestabilito per gruppi di 25 persone). Per motivi di sicurezza, la visita è possibile solo se accompagnati dalla guida; si consiglia l’utilizzo di calzature comode.
Il percorso comprende la visita all’appartamento della Principessa Maria Letizia, all’appartamento della Principessa Maria Clotilde, alla Cappella Reale e all’appartamento di Vittorio Emanuele II.
Sono accessibili alle persone con disabilità motoria (la cui visita deve essere comunicata all’atto della prenotazione) gli appartamenti delle principesse e la Cappella, mentre non è accessibile l’Appartamento di Vittorio Emanuele II.
Le visite guidate sono a cura dell’Associazione Amici del Castello e del Parco di Moncalieri.
Per situazioni connesse all’attività del Comando dei Carabinieri è possibile che, eccezionalmente per ragioni di urgenza, venga comunicata la chiusura del Castello.
Informazioni e prenotazioni a cura del Consorzio delle Residenze Reali Sabaude:
tel. +39 011 4992333 (dal lunedì al venerdì: ore 9.00-17.00; sabato: ore 9.00-13.00).


Nessun commento:

Posta un commento