giovedì 12 aprile 2018

Inaugurata a Torino la Nuvola di Lavazza. Nel pieno del quartiere Aurora uno spazio per tutti, con ristorante, museo e molto di più


Uno spazio aperto sul mondo e fruibile dal pubblico. Una "Nuvola" proiettata verso il futuro di un'azienda con 120 anni di storia alle spalle. E' il nuovo centro uffici della Lavazza, che tutti noi abbiamo visto nascere poco per volta negli scorsi anni nel bel mezzo del quartiere Aurora di Torino e che proprio oggi è stata presentata alla stampa e inaugurata. 

E che si sviluppa su di un'area di 30mila metri quadrati dove prima esisteva una vecchia sede Enel, rinata grazie ad un investimento complessivo di oltre 120 milioni di euro. Lo slogan "radici future" la dice lunga sugli sviluppi previsti: "La Nuvola Lavazza contiene la nostra memoria e il nostro futuro" - spiega Alberto Lavazza, Presidente del gruppo - "Ha le radici ben salde nella città e nel quartiere Aurora, storicamente teatro del nostro sviluppo industriale, ma è allo stesso tempo un complesso all'avanguardia in grado di dialogare con tutto il mondo. Così ci piace pensare che Nuvola Lavazza abbia radici future, perchè siamo convinti che il futuro possa maturare bene solo se le radici sono profonde".

Ad inaugurare la struttura realizzata dall'architetto Cino Zucchi, questa mattina è stato addirittura l'attore Pierfrancesco Favino, di fronte ad un pubblico di oltre seicento persone che hanno potuto ammirare in anteprima la futuristica e splendida sede. Alla presenza della sindaca di Torino Chiara Appendino, dell'assessora alla Cultura della Regione Piemonte Antonella Parigi e della famiglia Lavazza al completo, sono via via sfilati sul palco tutti i grandi nomi che hanno fatto sì che il progetto divenisse realtà: l'architetto Cino Zucchi, ovviamente; ma anche il concept designer Ferran Adrià, ideatore del ristorante "Condividere", che offrirà una modalità di consumo del cibo ispirata alla condivisione informale dei piatti d'autore, nelle mani dello chef Federico Zanasi. E il mitico scenografo Dante Ferretti, che a Torino molti conoscono per aver realizzato lo statuario del Museo Egizio. 

Oltre agli uffici, che verranno frequentati da circa 600 collaboratori, Nuvola è anche sede del bellissimo Museo, progettato dallo studio internazionale Ralph Appelbaum, che attraverso l'utilizzo di una "tazzina" interattiva permette di ripercorrere, tra antico e moderno, tutta la storia dell'azienda, con alcune sorprese multimediali che valgono già da sole la visita. 

E poi Nuvola contiene anche la sede dello IAAD, l'Istituto d'Arte Applicata e Design con i suoi oltre 700 giovani creativi e i resti archeologici di una basilica paleocristiana del IV-V secolo d.C, scoperta proprio in occasione degli scavi e che ha costretto la modifica in corso d'opera di una parte della struttura. Infine va anche citato il Bistrot, uno spazio di ristorazione collettiva che, superando il ristretto concetto di mensa aziendale, verrà aperto a tutti. 

"Il caffè è sempre l'inizio di qualcosa", afferma Francesca Lavazza. E come potremmo mai smentire una così realistica affermazione? Però preparatevi a pazientare ancora un po' per poter visitare il Museo e il ristorante Condividere: la data di apertura al pubblico è prevista per l'8 giugno 2018. E se volete proprio saperlo... Non vedo l'ora che arrivi!!!




Nessun commento:

Posta un commento