domenica 27 maggio 2018

A Palazzo Madama di Torino lunedì 28 maggio un'incontro per analizzare l'etica cavalleresca nella Valle d'Aosta del 1200


Lunedì 28 maggio, alle ore 17.00, Palazzo Madama ospita nel Gran Salone dei Ricevimenti un incontro con Viviana Maria Vallet dal titolo ALESSANDRO MAGNO NEL CASTELLO DI QUART. Un modello etico cavalleresco nella Val d’Aosta del 1200.

L' evento fa parte del ciclo di approfondimenti previsti in occasione della mostra Carlo Magno va alla guerra ed è dedicato ai restauri condotti negli ultimi anni nel torrione del castello di Quart in Valle d’Aosta. I lavori hanno portato alla luce i frammenti di un’antica decorazione murale della fine del 1200 che ne ornava originariamente le pareti interne. Nonostante sia fortemente danneggiata, si riconoscono ancora alcune delle scene riconducibili alle storie di Alessandro Magno e di Sansone, oltre al tema del Calendario rappresentato attraverso le attività agricole dei singoli Mesi. L’illustrazione del ciclo pittorico di Quart, insieme alle testimonianze figurative conservate soprattutto all’interno dei numerosi castelli signorili disseminati sul territorio della Val d’Aosta, faranno da spunto per tracciare il profilo del panorama figurativo valdostano a cavallo tra il 1200 e la prima metà del 1300. 
 
Ingresso libero fino a esaurimento posti.

Viviana Maria Vallet è laureata in Conservazione dei beni culturali, presso l’Università degli Studi di Udine, con una tesi sulla pittura del Duecento in Valle d’Aosta. Dal 1997 svolge servizio presso il Dipartimento Soprintendenza per i beni e le attività culturali della Regione autonoma Valle d’Aosta, dove attualmente ricopre il ruolo di Funzionario responsabile dell’Ufficio beni storico-artistici. Oltre a seguire le attività istituzionali di tutela e salvaguardia dei beni culturali appartenenti al territorio regionale, si occupa in particolare di interventi relativi alla valorizzazione e al riallestimento dei castelli e delle dimore storiche regionali e al riordinamento delle relative collezioni. Ha curato diverse pubblicazioni specialistiche sulla storia dell’arte valdostana e collabora alla redazione di saggi e articoli a cura dell’Assessorato Istruzione e Cultura della Regione.

 

Nessun commento:

Posta un commento