mercoledì 30 maggio 2018

Alla Supercar Night Parade del Salone Auto Parco Valentino anche la R.E.O. classe 1908 del Museo dell'Automobile


Come ben sapete dal 6 al 10 giugno si terrà la quarta edizione del Salone dell'Auto di Torino Parco Valentino, che tra le novità di quest'anno propone la Supercar Night Parade delle auto più rappresentative dei brand presenti alla kermesse, prevista per mercoledì 6 giugno dalle ore 20. Tra queste ci sarà una vera chicca: la R.E.O. - dalle iniziali del creatore Ransom Eli Olds - in versione “Gentleman’s Roadster” del 1908, appartenente alla collezione permanente del Museo Nazionale dell'Automobile.

The Sportiest thing on wheels”, disponibile anche negli assetti “Touring” o “Runabout” e venduta al prezzo di 1.000 dollari, ha un motore a due cilindri orizzontali contrapposti e sviluppa una potenza di 18/20hp. In commercio dal 1904, anno della fondazione della marca, fino al 1910, il modello è in grado di trasportare il conducente e un passeggero sui sedili anteriori più altri due passeggeri sul sedile a panchetta posteriore, ad una velocità massima di circa 60km/h. Semplice, economica e assai efficiente, era caratterizzata dal basso consumo di carburante: in un “economy run test” del 1907 una R.E.O. con 4 persone a bordo percorse circa 1.097 km al costo di 3 dollari e mezzo a passeggero.

Vi ricordo che la Supercar Night Parade sarà sfilata di 300 auto sportive aperta da presidenti e dirigenti delle Case automobilistiche aderenti, che porteranno per le strade del centro di Torino la propria passione, alla guida delle automobili più rappresentative del loro brand. 
Il convoglio partirà dal cortile del Castello del Valentino e passerà per corso Massimo D’Azeglio, per arrivare in piazza Vittorio e proseguire per via Po, piazza Castello e via Roma. Girerà intorno a piazza San Carlo per poi tornare indietro fino al ponte della Gran Madre, dove scendendo sul lungo Po Murazzi tornerà al Parco del Valentino, dove i partecipanti visiteranno l’esposizione in notturna.

Nessun commento:

Posta un commento