mercoledì 2 maggio 2018

Un ponte del 1° maggio particolarmente apprezzato dai turisti della cultura, in tutti i maggiori musei di Torino. Eccovi i dati


I "turisti della cultura" hanno decisamente apprezzato le molte aperture straordinarie di questo ultimo, lungo ponte del 1° maggio, affollando ancora una volta i musei torinesi. Vediamo alcuni esempi, partendo dai Musei Reali, che dvenerdì 27 aprile sono stati visti da oltre 14.100 persone, con la punta dei 4.188 visitatori nella sola giornata di domenica. Oltre agli abituali percorsi di visita, il pubblico ha potuto visitare le molte mostre in corso: al Museo di Antichità "Carlo Alberto archeologo in Sardegna"; alla Galleria Sabauda "Scoperte 3/Frammenti di un bestiario amoroso", "Confronti 4/Carol Rama e Carlo Mollino" e il percorso "Anche le statue muoiono", dedicato ai destini del patrimonio nelle situazioni di conflitto e ideato per marcare l’anno del Patrimonio Europeo 2018. Grande successo, in particolare, per la retrospettiva dedicata a uno dei più grandi maestri viventi di fotografia "Frank Horvat. Storia di un fotografo", ospitata presso le Sale Chiablese fino al 20 maggio, che ha accolto in questi giorni più di 2.000 persone. Afflusso notevole anche per i percorsi di visita organizzati in collaborazione con l’Associazione Amici di Palazzo Reale, che garantisce l’accesso anche agli appartamenti minori della struttura. A questi vanno aggiunti migliaia di visitatori che hanno affollato i Giardini Reali e il Boschetto, riaperto da appena un mese, all’ombra del quale nei giorni di bel tempo i visitatori dei Musei hanno potuto concedersi una pausa tra una mostra e l’altra.

Ottimi risultati anche per il Museo Nazionale dell'Automobile, che da mercoledì 25 aprile a martedì 1° maggio ha ospitato oltre 10.500 visitatori. Il merito è anche della mostra "ROSSO FIORAVANTI", visitabile fino al 16 settembre. La retrospettiva monografica, dedicata al designer Leonardo Fioravanti, celebra attraverso disegni, fotografie e modelli iconici uno dei designer che più hanno segnato lo stile del Casa di Maranello tra gli Anni ‘60 e ’80. Grande partecipazione anche per l’attività dedicata alle famiglie "COSA VOGLIO FARE DA GRANDE", una visita guidata alla scoperta dei mestieri legati all’automobile, e per la proiezione su maxischermo del Moto GP di Azerbaijan sul circuito cittadino di Baku.

Tra il 28 aprile e il 1° maggio la Reggia di Venaria ha staccato 41.024 biglietti, suddivisi come al solito tra la Reggia, i Giardini e le molte mostre in corso, in particolare "Genesi", dedicata al grande fotografo naturalistica Sebastião Salgado.

Considerando il più ampio periodo tra il ponte del 25 aprile e il 1° maggio  il Museo Egizio ha invece superato quota 50.000 ingressi, con il maggior afflusso domenica 29 aprile che ha sfiorato gli 8.000 ingressi.

Vi terrò aggiornati nel caso riceva in tempi brevi i dati di altri musei.


Nessun commento:

Posta un commento