mercoledì 27 giugno 2018

Con il workshop HERBARIUM presso il PAV di Torino imparerete a classificare e catalogare le specie vegetali del parco

Venerdi 29 giugno, dalle 10 alle 17, è in programma al PAV il workshop HERBARIUM, condotto da Andrea Caretto e Raffaella Spagna: un’esperienza laboratoriale a contatto con la natura, all’interno del parco con i suoi oltre 23.000 mq.
La prima sessione di laboratorio avrà inizio alle 10 con la presentazione mediata da documentazione video e fotografica, del progetto Libera Scuola del Giardino. Nato nel 2015 con la partecipazione di MyVillages/Wapke Feenstra, ha portato alla realizzazione collettiva di un orto-giardino dove vengono coltivate erbe officinali e aromatiche da trasformare in preparati (come erbe essiccate e macerati), ma che sono anche oggetto di ricerca scientifica (schedatura, classificazione, osservazione al microscopio) e artistica attraverso la copia dal vero e la stampa a contatto.
In questa parte della giornata bambini e adulti, con la conduzione delle Attività Educative e Formative del PAV, potranno prendersi cura dell’orto attraverso la pratica del giardinaggio.

Il pomeriggio di workshop vedrà la raccolta collettiva delle specie vegetali presenti nell’area verde sotto la guida di 
Andrea Caretto e Raffaella Spagna, al fine di preparare i materiali costitutivi di un’installazione artistica che cataloga e conserva i campioni botanici: Herbarium. L’opera, a partire dalla raccolta già praticata sin dall’avvio del progetto (2006) sempre a cura degli stessi artisti, verrà inaugurata a novembre di quest’anno in occasione dei 10 anni di apertura del PAV e diventerà un’importante formalizzazione della ricerca storica e naturalistica messa in atto dal Centro sperimentale d’arte contemporanea, per diventare parte del patrimonio comune del pubblico e della collettività.
 
Il workshop è a partecipazione gratuita.

Prenotazione obbligatoria, sino a esaurimento posti, attraverso il 
modulo di iscrizione online.
Per info: 011 3182235 – 
lab@parcoartevivente.it
 
Ricordo che, fino al 21 ottobre, è possibile inoltre visitare la mostra in corso THE GOD TRICK di cui vi avevo già parlato al link: The god trick
 

Nessun commento:

Posta un commento