sabato 30 giugno 2018

Partono le riqualificazioni delle scuole Fermi e Pascoli, col progetto TORINO FA SCUOLA finanziato da Fondazione Agnelli e Compagnia di San Paolo


Durante la conferenza stampa tenutasi ieri, 29 giugno, a Palazzo di Città, alla quale hanno partecipato la sindaca Chiara Appendino, il presidente di Fondazione Agnelli John Elkann, il presidente di Compagnia di San Paolo Francesco Profumo e il direttore generale dell’USR Piemonte Fabrizio Manca, è stata resa nota l’apertura dei cantieri di Torino fa scuola, progetto promosso e sostenuto da Fondazione Agnelli e Compagnia di San Paolo, in collaborazione con Città di Torino e Fondazione per la Scuola. Partono quindi i lavori di riqualificazione di due scuole medie, la Enrico Fermi (piazza Giacomini al Lingotto) e la Giovanni Pascoli (Via Duchessa Jolanda a CitTurin): diverranno edifici più accoglienti, belli, sostenibili, meglio integrati nella vita del quartiere, con spazi di apprendimento rinnovati e flessibili, concepiti per fare scuola adeguandosi agli orientamenti della pedagogia e della didattica di oggi e del prossimo futuro.

Il progetto Torino fa scuola è nato nel 2015 ed è partito da una riflessione che ha coinvolto inizialmente presidi, docenti, famiglie, studenti, insieme a pedagogisti e architetti al fine di mettere a fuoco bisogni, aspettative e desideri di rinnovamento che potessero portare alla ristrutturazione degli spazi di apprendimento. L’obiettivo non è semplicemente quello di riqualificare due istituti torinesi ma, soprattutto, di fornire idee ed esempi per altri interventi innovativi sull’edilizia scolastica italiana. Da questo processo partecipato durato un anno sono emerse le linee guida per gli interventi sulle due nuove scuole. Durante il secondo anno si è svolto il concorso di progettazione, al quale hanno partecipato quasi 300 studi di architettura, italiani e stranieri. Un anno fa sono stati annunciati i due progetti vincitori; l’iter è proseguito fino a oggi per rendere esecutivi i progetti e ricevere le autorizzazioni, così da aprire i cantieri nei tempi previsti.

La sindaca Chiara Appendino ha affermato: "L’intervento su due scuole medie nei quartieri Lingotto e CitTurin è una iniziativa di cui sono grata a Fondazione Agnelli e alla Compagnia di San Paolo. La partenza dei cantieri incide significativamente sul patrimonio pubblico a favore della comunità torinese. Si tratta di un intervento, grazie all’impegno di team di architetti selezionati a livello internazionale, che dà ossigeno, in un quadro generale di risorse pubbliche limitate, alla riqualificazione partecipata di spazi educativi e che, una volta concluso, diventerà un modello nazionale per l’innovazione didattica. Alla Enrico Fermi e alla Giovanni Pascoli studentesse e studenti potranno a breve infatti sperimentare nuove metodologie di apprendimento grazie al comfort di aule, palestre e spazi comuni atti a migliorare la conoscenza”.

John Elkann ha aggiunto: “Con l’apertura dei cantieri Torino fa scuola passa dalle idee ai fatti: dopo aver promosso un concorso che ha raccolto idee originali su come può essere la scuola del futuro, la Fondazione Agnelli e i partner del progetto iniziano oggi a costruirla davvero, proprio qui, nella nostra città. È un esempio di ciò che facciamo da oltre 50 anni: partendo dalle nostre ricerche, ci confrontiamo sulle proposte e realizziamo quelle più innovative e d’impatto, insieme a istituzioni pubbliche e a organizzazioni private. Grazie alla collaborazione con il Comune di Torino e la Compagnia di San Paolo, che hanno condiviso questo approccio originale e inclusivo, progetti come Torino fa scuola diventano realtà e producono grandi risultati”.

Il progetto di riqualificazione della scuola Fermi è stato realizzato dallo studio torinese BDR Bureau e ingegnerizzato dallo studio Sintecna. Il cantiere ha preso avvio in questi giorni e si concluderà in corrispondenza dell’inizio dell’anno scolastico 2019-20. L’intervento prevede un costo per le opere e gli arredi di circa 7,5 milioni di Euro (IVA inclusa), finanziati per 4,5 dalla Fondazione Agnelli (che è il committente unico) e per 3 dalla Compagnia di San Paolo. Il progetto offre un esempio di ripensamento completo della scuola esistente, lavorando in modo integrato sul piano architettonico e didattico. Il fulcro didattico è costituito da raggruppamenti di aule tematiche tra le quali gli studenti si muovono durante l’orario scolastico. Sul giardino affacciano gli spazi più aperti della scuola: l’area della ristorazione, che comprende una caffetteria, e la biblioteca che può diventare un auditorium. L’allestimento del giardino prevede che vengano piantati nuovi alberi, in numero superiore alle piante esistenti che dovranno essere abbattute per ospitare l’ampliamento della scuola.
 
Anche il cantiere per la riqualificazione della Scuola Secondaria di primo grado Giovanni Pascoli è in fase di avvio. La scuola Pascoli riqualificata avrà un nuovo ingresso, accessibile a tutti, con un atrio ampio e luminoso per i ragazzi che sarà anche luogo di comunicazione con la città e il quartiere, una biblioteca diffusa ai diversi piani con postazioni comode che invitano alla lettura e un’emeroteca aperta al pubblico fin dal mattino al piano terra, nell’ottica di una scuola che sia civic centre, ovvero con la possibilità di essere aperta oltre l’orario scolastico. La scuola è stata progettata con tecnologie digitali e connettività diffusa in tutti gli ambienti, nonché uno spazio dedicato agli insegnanti con una piccola cucina, un ufficio e una zona riservata al ricevimento genitori, studiato con gli stessi concetti di benessere, comfort e informalità di tutti gli altri ambienti di apprendimento. Il progetto, curato da Archisbang e Area Progetti, è finanziato da Fondazione per la Scuola e Compagnia di San Paolo per un costo totale di realizzazione di 3,5 milioni di Euro (IVA inclusa). Il cantiere potrà essere avviato entro metà luglio e si concluderà in corrispondenza dell’avvio dell’anno scolastico 2019-20.

Siamo davvero molto contenti di annunciare l’avvio dei cantieri a meno di un anno dalla comunicazione dei vincitori dei due concorsi di progettazione, confermando il rispetto dei tempi che era stato previsto – ha affermato Francesco Profumo - La Compagnia di San Paolo, grazie anche a Fondazione per la Scuola, sta impegnando molte risorse per l’innovazione didattica delle scuole torinesi con l’obiettivo di creare modelli replicabili: con Torino fa scuola così come con il progetto Riconnessioni stiamo sostenendo, insieme a tutti i partner coinvolti, il sistema dell’istruzione locale consapevoli che l’educazione è il principale investimento di un paese e coinvolge tutta la cittadinanza”.

In questa fase storica è cruciale che tutte le forze vitali della società sentano la responsabilità di investire sui temi dell’educazione e dell’istruzione delle nuove generazioni." - ha dichiarato Fabrizio Manca - "Il progetto Torino fa scuola esprime in modo efficace il senso di questo impegno, partendo da un’idea pedagogica forte, condivisa da tutte le componenti delle due comunità scolastiche, sviluppando una virtuosa interazione tra architettura degli edifici ed esigenze della didattica moderna, sostituendo il concetto tradizionale di classe con luoghi e spazi flessibili in cui l’insegnante trovi stimoli per nuove metodologie di trasmissione della conoscenza e lo studente si senta realmente protagonista del proprio apprendimento” .

Nessun commento:

Posta un commento