sabato 7 luglio 2018

Con "Henri Matisse. Sulla scena dell’arte" il Forte di Bard espone oltre 90 opere del "période Nicoise" dell'artista francese


Dal 7 luglio al 14 ottobre il Forte di Bard ospita l’esposizione Henri Matisse. Sulla scena dell’arte, curata da Markus Müller, direttore del Kunstmuseum Pablo Picasso di Münster. La mostra raccoglie oltre 90 opere realizzate in un arco temporale di 35 anni, dal 1919 fino alla morte dell’artista, avvenuta nel 1954, incentrate in particolare sul rapporto con il teatro e la drammaturgia. Si tratta principalmente della cosiddetta période Nicoise: Matisse, infatti, nel 1917 scelse Nizza come luogo principale della sua creazione artistica.

Il percorso espositivo è suddiviso in quattro grandi sezioni: Costumi di scena; Matisse e le sue modelle; Le odalische; Jazz

 
Nella sezione Costumi di scena si sottolinea come, al di là dell’aspetto ornamentale ed esotico, l’interesse di Matisse per il teatro sia divenuto centrale nella sua estetica: la preparazione della decorazione della Chappelle du Rosaire a Vence, viene realizzata come se fosse ‘un decoro di scena’. I disegni preparatori della Chappelle di Vence sono esposti insieme ai costumi per i balletti. E' il 1919 quando Matisse riceve la commissione di concepire i costumi e le scenografie per il balletto “Il canto dell’usignolo”. Per la prima volta nella sua vita d’artista Matisse deve confrontarsi con una modalità diversa di operare.

In Matisse e le sue modelle si evidenzia la necessità da parte dell’artista di avere un modello concreto su cui agire come un drammaturgo o come un regista. Matisse inizia una collezione di abiti per le sue modelle, si interessa alla “alta moda” e fa la selezione del vestito secondo il modello o la composizione. Matisse parla delle sue modelle come “attrici” della sua arte. Una selezione di opere illustra tale rapporto, con particolare attenzione alla sua assistente Lydia Delectorskaya, che ricoprirà un ruolo centrale per Matisse dagli anni Trenta sino alla sua morte, nel novembre 1954. Nel 1939 Matisse affermava: “l miei modelli, esseri umani, non sono mai solo un elemento secondario in un ambiente. Sono il tema principale del mio lavoro. Dipendo interamente dal mio modello”.

Ne Le odalische emerge l’interesse di Matisse per il decorativismo di stampo arabeggiante e orientalista, visto come sintesi ideale tra la rappresentazione della donna e dell’ornamento vegetale o geometrico. Nel biennio 1912-1913 si era recato in Algeria e in Marocco, sulla scia del concetto romantico dell’artista viaggiatore, sulle orme di Ingres e Delacroix. Da questi viaggi nascono le sue collezioni di tappeti, abiti, oggetti di arte orafa di cui sarà esposta una selezione.

In Jazz si sottolinea infine il rapporto dell’artista e il suo pubblico. All’inizio degli anni Quaranta Matisse sviluppa una tecnica particolare denominate papiers décupés, carte ritagliate, sintesi perfetta, secondo Matisse, tra colore e precisione della linea. Il suo capolavoro di questo periodo è “Jazz”, una serie di 40 opere realizzate con questa tecnica. Come un musicista jazz, ha creato una sorta di “tema con variazioni”. Lo stile di queste opere in colori dissonanti ha ispirato per esempio Andy Warhol e la “pop art” americana.

Le opere in mostra provengono dal Kunstmuseum Pablo Picasso di Münster che possiede nella sua collezione permanente anche la più ampia raccolta di opere di Matisse in Germania. Oltre al museo di Münster, figurano tra i prestatori il Musée Matisse di Nizza, i Ballets di Monte-Carlo e gli stessi eredi di Matisse, che hanno concesso in prestito oggetti della collezione privata dell’artista, come fonti di ispirazione e testimonianza dei suoi viaggi.


Henri Matisse è considerato uno dei grandi maestri dell’arte del Novecento, eclettico e sperimentatore, amico e rivale di Pablo Picasso. Nato a Cateau-Cambrésis nel 1869, abbandona ben presto gli studi di legge e una carriera di futuro avvocato per dedicarsi alla pittura. Frequenta a Parigi l’atelier di Gustave Moreau, ma guardando alle opere di Paul Cézanne, soprattutto nel trattamento del colore, che diventerà il fine stesso della creazione dell’immagine. Nel 1905, al Salon d’Automne di Parigi, solleva uno scandalo presentando, insieme a Marquet, de Vlaminck, Derain e Van Dongen, alcune tele dai colori puri e violenti, stesi uniformemente sulla tela. Il critico Louis Vauxcelles conia per questi artisti il termine fauves, presto adottato dal gruppo in segno di sfida. Del 1910 è la prima mostra importante alla galleria Bernheim-Jeune a Parigi, seguita dalle personali a Londra e a New York. A partire dal 1919 decide di trascorrere gran parte dell’anno in Costa Azzurra, che considera un ‘paradiso’. La sua attività espositiva è in continua crescita e le sue opere incontrano un grande interesse da parte dell’intera comunità artistica. Nel 1920 lavora alle scene e ai costumi per Le chant du rossignol, l’opera di Stravinsky rappresentata da Diaghilev con i Ballets Russes, e la coreografia di Massine. Il decennio 1920-1930 segna un ritorno a composizioni di tipo più tradizionale e all’interesse per il tema delle Odalische. Dopo numerosi viaggi in Italia, Spagna, Germania, Gran Bretagna e Russia, nel 1931, e dopo un soggiorno di tre mesi a Tahiti, Matisse si reca negli Stati Uniti, dove ha l’incarico di una grandiosa decorazione sul tema della danza per la Fondazione Barnes a Merion. Del 1938 è l’esposizione ‘Picasso-Matisse’ al Museum of Modern Art di Boston. Stabilitosi a Vence nel 1939, si dedica con particolare interesse alla grafica: illustra, tra l’altro, Pasiphaé di H. de Montherlant (1944) e Les Fleurs du Mal di Ch. Baudelaire (1947) e produce illustrazioni in bianco e nero per diversi libri, tra cui l’Ulisse di James Joyce. Del 1945 è la grande retrospettiva al Salon d’Automne di Parigi, seguita da una doppia personale al Victoria and Albert Museum di Londra, insieme a Picasso. L’anno successivo viene realizzato un film sul suo lavoro. Del 1947 l’editore parigino Tériade pubblica Jazz: in quest’opera appaiono i primi risultati della tecnica dei papiers découpés, alle quale si dedica con passione negli ultimi anni della sua vita. nel 1948 viene nominato Commendatore della Legione Onore; di questo periodo sono anche i primi contatti con il frate domenicano Rayssiguier in vista della decorazione della Cappella del Rosario a Vence, che sarà terminata e inaugurata nel 1951. Del 1950 è il Primo Premio della Pittura alla XXV Biennale di Venezia. Nel 1952 apre nella sua città natale, Cateau-Cambrésis, il Musée Matisse. Muore il 3 novembre 1954 a Nizza.


Orari:
martedì-venerdì 10.00 -18.00.
Sabato, domenica e festivi 10.00 -19.00.
Aperta tutti i giorni dal 23 luglio al 2 settembre 10.00 -19.30.

www.fortedibard.it

Nessun commento:

Posta un commento