sabato 7 luglio 2018

Deliberato dalla Giunta comunale il progetto di restauro di Borgo e Rocca Medievale di Torino, dell'ordine di 2 milioni di euro


Sarà dell'ordine di 2 milioni di euro il restauro del nostro amatissimo Borgo Medievale, che da tempo era in attesa di una serie di necessari ritocchi dovuti allo scorrere del tempo. 

Ieri la Giunta comunale, su iniziativa dell’assessora alla cultura Francesca Leon e del vicesindaco Guido Montanari, ha deliberato il progetto di fattibilità degli interventi di restauro alle costruzioni d Borgo e Rocca Medievale al Valentino, in attesa della fase progettuale esecutiva e dell'apertura dei cantieri, che dovrebbe avvenire il prossimo anno sempre che la Regione Piemonte, attraverso il MIBACT, riesca a finanziare l'opera attraverso l'accordo di programma previsto dai fondi CIPE.

Quello approvato in linea tecnica dalla Giunta comunale è il progetto di fattibilità tecnica ed economica redatto da tecnici ed esperti del Servizio Edilizia per Cultura. Si tratta di un intervento volto a conservare un patrimonio di valenza straordinaria per la nostra città” – hanno spiegato il professor Montanari e l’assessora Leon.

L'intervento complessivo di manutenzione straordinaria riguarderà la sistemazione e il rifacimento dei manti di copertura e la conservazione di recinzioni, tettoie, balconi e terrazzi in legno. In circa un anno e mezzo di lavoro i restauratori si dedicheranno anche al consolidamento delle murature e alla sistemazione esterna degli edifici.


Il Borgo Medioevale e la Rocca, edificati a partire dal 1882 in previsione dell’Esposizione generale del 1884, ispirandosi a edifici del XV secolo, in particolare al castello di Issogne, è ritornato dall’aprile scorso alla gestione diretta dell’Amministrazione comunale. Meta di decine di migliaia di visitatori ogni anno, fu progettato da un gruppo di architetti coordinati da Alfredo D’Andrade. Il 12 dicembre 1882 si pose la prima pietra del castello, il 6 giugno 1883 quella del villaggio e il 27 aprile 1884 il Borgo venne inaugurato alla presenza dei sovrani Umberto e Margherita di Savoia.


1 commento:

  1. Sarebbe ora, è ridotto in uno stato pietoso, a cominciare dai cessi...

    RispondiElimina